Home

Letizia Battaglia, un simbolo della fotografia, ha colto un altro scorcio della nostra Palermo e lo ha fatto con il suo solito stile ipnotico. Per la Lamborghini ha deciso di catturare giorno 17 novembre i profili di alcune bambine con dietro una macchina del noto marchio a Piazza Sant’Agostino. Un progetto di marketing e pubblicità che cerca comunque di emanare la bellezza del capoluogo siciliano.

Il post

“Valorizzare gli angoli di una città meravigliosa, una città che è come una bambina piena di sogni e speranze. Letizia Battaglia ha ritratto la sua Palermo assieme alla nostra Aventador SVJ. E lo ha fatto in una maniera meravigliosa”. Così la Lamborghini ha realizzato l’iniziativa With Italy, For Italy – 21 views for a new drive, un progetto fotografico che celebra le bellezze dell’Italia, esaltandone le qualità e l’identità competitiva attraverso le sue regioni per contribuire attivamente a valorizzare e dare un segnale di impulso al suo paese in seguito all’emergenza Covid-19.

Carriera di Letizia Battaglia

Letizia Battaglia nasce a Palermo nel 1935. Appassionatasi al mondo della fotografia sin dall’adolescenza, la giovane sicula decide di rendere il suo amore per l’arte una professione. La sua carriera prende vita nel 1969, quando la giovane Letizia inizia a collaborare con il giornale provinciale L’Ora. Nel giro di un anno Battaglia riesce a farsi notare anche dalle grandi testate del settentrione, a questo segue infatti il trasferimento della ragazza a Milano. La fotografa ha ritratto gli attimi più importanti della storia recente. In seguito Letizia decide di tornare nel suo paese natale e di fondare l’agenzia Informazione Fotografica, insieme ai suoi colleghi Josef Koudelka e Ferdinando Scianna.


Leggi anche:

Gli angeli della Rsa di Floridia

Mascherine senza certificazione: il sequestro

La classifica delle serie tv più divertenti della storia


Condividi

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata