Home

Confcommercio lancia l’allarme sul prolungamento della zona rossa a Palermo in sfavore dei commercianti palermitani. “Voi chiudete le attività e voi continuate a farci pagare le tasse. Voi chiudete le attività e voi non create altri posti letto negli ospedali. Voi fate i vaccini ma voi andate al ritmo della lumaca. Voi dovete garantire il diritto al lavoro (art.1 della Costituzione) e voi dovete garantire il diritto alla salute”.

E sempre la Presidente e portavoce Patrizia Di Dio aggiunge: “Voi dovete garantire il Lavoro e la Salute governando bene, non rinchiudendoci in casa. Se la zona rossa non funziona è un fallimento del sistema, perché la norma è pensata male, stare a casa provoca più contagi e più fallimenti! E se anche funzionasse non siete in grado di farla rispettare. Stare tutti in casa dopo più di anno è impossibile!”.

Il malcontento per un possibile prolungamento della zona rossa a Palermo a causa del grande numero dei contagiati nel capoluogo è tanto. Di Dio cerca di fare una fotografia sulle emozioni dei commercianti. “Chiedete ancora la zona rossa. Tanto è l’unica cosa che sapete fare. Fare terrorismo, anziché trovare soluzioni! Ognuno però si assuma la responsabilità delle sue azioni! Assistiamo ormai ad una gara a chi per prima tra le istituzioni chiede l’ennesima zona rossa pur di deresponsabilizzarsi, senza nemmeno analizzare se sussistono i parametri e senza preoccuparsi degli immensi danni che provoca”.

“Follia! Vogliamo conoscere ogni parametro. Contagi per numero di abitanti, posti letto liberi in tutta la Sicilia. La Lombardia ha dati peggiori ed è in zona gialla! Leggeteli! Oltre al reato di provocata pandemia le istituzioni pensino anche al reato di pandemia economica”. 


Leggi anche: Superluna rosa, è questa la notte: ecco quando vederla in Italia


L’ira dei commercianti palermitani sulla zona rossa

Inoltre a favore dei commercianti palermitani il gruppo dichiara: “Trovate soluzioni, smettetela di accusare i cittadini, salvo poi uccidere ogni giorno migliaia di persone chiuse in casa a contagiarsi, condannare alla morte migliaia di aziende e annullare la libertà personale per incapacità e negligenza. La zona rossa crea un’ingiustizia sociale senza precedenti, colpisce una minoranza costituita tuttavia da migliaia e migliaia di famiglie vicine alla morte sociale”.

Infine Confcommercio Palermo vorrebbe che si aumentasse la somministrazione vaccinale: “Fate 50mila vaccini al giorno anziché, come adesso, 18mila che farebbero finire a ottobre la somministrazione della prima dose; chiedete il rispetto della capienza in ogni esercizio: trovare soluzioni spetta alle Istituzioni, non agli imprenditori e non ai cittadini! Pensavamo di essere in una società solidale, invece state creando una frattura insanabile, state creando il voi e il noi”.

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata