Home

Sono finiti in manette i due nuovi boss della famiglia mafiosa di Bolognetta, Salvatore Sclafani, 46 anni, e Mario Pecoraro, 45 anni, entrambi imprenditori funebri. L’intervento è stato compiuto dai carabinieri di Misilmeri che hanno sequestrato ai due boss beni per 4 milioni di euro.

Mafia a Misilmeri, in manette 2 boss

Gli investigatori hanno sequestrato agli arrestati le aziende, i conti correnti e il patrimonio immobiliare delle società per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro. Inoltre i due arrestati si attivavano, unitamente ad altri concorrenti, per redigere documentazione falsa da produrre alla corte di Appello di Palermo. Ciò al fine di ottenere la revoca della dichiarazione di fallimento della società I.C. Servizi S.r.l.

Successivamente, si occupavano di ripulire il corrispettivo di tale falsificazione reimpiegando il denaro nelle proprie attività imprenditoriali.

Mafia a Misilmeri, le foto degli arrestati

Mafia a Misilmeri, infiltrazioni al Comune di Bolognetta

Complice dell’attività dei due boss anche il Comune di Bolognetta. Dalle indagini sono emerse anche infiltrazioni nell’amministrazione comunale, che ha affidato loro commesse pubbliche senza seguire i previsti iter amministrativi.

In aggiunta a questo i due si sarebbero attivati per produrre falsi documenti da presentare alla Corte di Appello di Palermo per ottenere la revoca della dichiarazione di fallimento della società I.C. Servizi S.r.l. Sequestrate le aziende, conti correnti e il patrimonio immobiliare delle società per un valore complessivo di circa 4 milioni di euro.

Nella gestione monopolistica sul territorio delle attività di onoranze funebri i due non avrebbero esitato a intimidire anche un altro imprenditore concorrente, per limitare l’operatività della sua impresa.

Leggi anche

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata