Home

Diciamoci la verità, tutto questo successo per i Maneskin non ha reso contenti molti. a rock band italiana ha conquistato la giuria popolare in maniera netta e insindacabile all’Eurovision con la sua “Zitti e buoni”, che già aveva trionfato al Festival di Sanremo. Non bastavano i soliti francesi invidiosi, che hanno fatto scoppiare il cocaina-gate ricorrendo alla stampa francese. Scandalo poi smontato pezzo per pezzo dagli organizzatori dell’Eurovision Song Contest 2021.

Leggi anche: Riapre Villa Igiea, Rocco Forte “Icona di eleganza e stile”

Sui Maneskin c’è chi continua ad alimentare le polemiche e gettare fango. Stavolta però vengono insinuate accute di plagio. I media belga ne stanno parlando parecchio: secondo loro il brano dei Maneskin ricorderebbe in maniera ‘eccessiva’ la canzone ‘You want it, you’e got it’ incisa nel 1994 dal gruppo olandese ’The Vendettas’. 

La canzone incriminata sarebbe questa:

Le dichiarazioni dei The Vendettas

Ho avuto subito l’impressione di sentire un riff della mia band. La domanda è se questo sia plagio. Questi giovani non erano ancora nati ai tempi del nostro gruppo. Ma come hanno detto proprio i Maneskin, il rock and roll non muore mai”, ha affermato il 55enne Joris Lissens componente dei The Vendettas, all’emittente olandese RTL Boulevard.

Ma pare proprio un’accusa insensata. forse l’affermazione di un artista in cerca di visibilità e pubblicità. Anche perchè della produzione dei The Vendettas c’è poco o nulla in giro. Spotify e su iTunes del brano non c’è traccia mentre è stato caricato su YouTube il 27 maggio scorso e conta oltre 120mila visualizzazioni. In gran parte provenienti dai fan dei Maneskin incuriositi dalla vicenda. La verità è che ad un attento ascolto si tratta di un riff rock blues rielaborato già in altre canzoni, solo qualche secondo poi le canzoni suonano in maniera diversa. Il mondo del rock è pieno di questi esempi.

Ovviamente i francesi, che non aspettavano altro, hanno subito rilanciato le accuse di plagio, segno che brucia ancora il quel beffardo secondo posto della cantante transalpina. 

Nel frattempo la rock band italiana ha fatto sapere che non replicherà sulla questione. Sta ancora affrontando la separazione dalla sua storica manager Marta Donà, che li ha seguiti da Factor fino all’Eurovision Song Contest. “Abbiamo trascorso quattro anni indimenticabili pieni di sogni da esaudire e di progetti realizzati. Io vi ho portato fin qui. Da adesso in poi avete deciso di proseguire senza di me. Ho il cuore spezzato ma vi auguro il meglio dalla vita ragazzi”, ha scritto la manager. 

Drone in volo sul vulcano: la lava lo travolge, il video è da brividi

giovani

Covid, Rasi: “I giovani under 30 sono i diffusori del virus, bisogna vaccinarli”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata