Home

“Un fulmine a ciel sereno che non ha lasciato scampo. La nostra Refka, volto sorridente del ristorante I Pupi, è stata colpita da una fatalità che l’ha strappata ai suoi familiari, agli amici e al suo lavoro”.

Un post su Facebook di Laura Codogno, moglie dello chef stellato Tony Lo Coco, annuncia la tragedia. La giovane impiegata del ristorante di Bagheria, Refka Dridi, 27 anni tunisina, è morta per choc anafilattico dopo due giorni di coma, probabilmente dopo aver mangiato un piatto a base di gamberi a cui era allergica. Lascia il compagno e un bimbo di appena 8 mesi. Un dramma immenso, una notizia terribile che lo stesso Lo Coco racconta con un nodo in gola.

“È successo giovedì notte. Dopo il lavoro è tornata a casa – racconta -. Ci è stato detto che lì, dopo aver appena assaggiato un piatto di pasta che conteneva gamberi si è sentita male fino allo choc anafilattico”. Un terribile gioco del destino per una giovane che proprio tra i piatti aveva costruito il suo futuro. “Era un perno del nostro ristorante da 4 anni – racconta lo chef -.. Braccio destro di mia moglie Laura, direttrice di sala”.

Nel post su Facebook il dolore più profondo che Lo Coco condivide con la moglie: “Ogni parola che scriviamo pesa come un macigno dinnanzi un destino talmente beffardo che nel volgere di pochissimo tempo l’ha strappata alla vita. Rimarranno sempre nel nostro cuore il suo sorriso, la sua discreta eleganza, la sua bellezza mediterranea, la solarità dei suoi occhi, la fiducia che il suo sguardo trasmetteva, la voglia di essere brava nello svolgere la sua attività, sempre con precisione e garbo. Noi eravamo legati a lei e lei a noi. Lei continuerà a far parte della famiglia de I Pupi e noi custodiremo la sua presenza nei nostri cuori”. (GdS)

Leggi anche:

Maledetti complottisti: «A voi dedico ogni iniezione che ho dovuto fare. La lettera dell’infermiera di 30 anni malata di Covid

Lo chef, il pizzo, la solidarietà

Il concetto di SUD è relativo. South Working? Tutti ne parlano, cos’è? Lo chiediamo a Mario Mirabile

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

1 risposta

  1. Avatar
    Giovanni

    Le allergie alimentari, le atopie in genere sono pericolosissime se non seguite adeguatamente con l’allergologo.
    L’adrenalina sottocutanea in siringa preriempita è un salvavita prezioso che ogni soggetto allergico deve avere a portata di mano immediatamente per affrontare la liberazione massiva di istamina che può come purtroppo accaduto, uccidere.
    Le allergie devono essere trattate dall’allergologo e mai sottovalutate.
    Non so se la signora fosse a conoscenza della sua allergia, ma la Sua morte deve servire affinché tragedie simili non accadano più.

    Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata