Home

Nella tarda mattinata di Pasquetta, ovvero lunedì 5 aprile, un operaio della Rap ha trovato un boa durante l’orario di lavoro. L’avvistamento è avvenuto nel quartiere periferico di Brancaccio per il lavoratore dell’azienda che si occupa dei rifiuti nel Palermitano.

Con esattezza il rettile è un boa constrictor e ha una lunghezza di circa 3 metri. Il boa è stato ritrovato dall’operaio della Rap mentre strisciava tra i rifiuti in via Pecoraino, in prossimità del centro commerciale Forum. L’operaio ecologico ha immediatamente segnalato l’avvistamento alle forze dell’ordine. L’intervento dei carabinieri forestali è avvenuto con rapidità e anche con incredulità per il ritrovamento in mezzo ai rifiuti palermitani. Subito dopo il rettile è stato portato ad esperti di animali esotici, che capiranno lo stato di salute del boa e se ha riportato alcune ferite nel suo corpo.


Leggi anche

Covid, contagi fuori controllo a Palermo: la zona rossa si avvicina


Operaio della Rap trova un boa di tre metri

Dopo la messa in sicurezza dell’area interessata, le forze dell’ordine hanno iniziato le indagini. Le piste in campo sarebbero fondamentalmente due. Infatti risulta abbastanza strana la presenza del boa del quartiere palermitano. Soprattutto in prossimità dei rifiuti. Secondo le ricostruzioni più fedeli l’animale potrebbe essere uscito da qualche abitazione. E quindi sarebbe solamente un animale domestico di qualche residente di via Pecoraino o delle vicinanze di Brancaccio.

L‘altra pista che si segue è quella dell’abbandono. Infatti potrebbe anche essere che qualcuno si sia voluto disfare tra la spazzatura dell’animale esotico perchè troppo ingombrante, data la sua lunghezza di circa 3 metri. Comunque vadano le indagini, dopo alcuni accertamenti, il boa sarà portato in un centro specializzato per rettili esotici.


Leggi anche

Covid, nuova variante giapponese: ecco cosa sappiamo


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata