Home

Continua il dialogo tra partiti e Governo sulle pensioni, ma ancora una volta si registra un grande assente: l’ultima generazione, i giovani. Una questione che andrebbe prontamente affrontata oggi per evitare che scoppi irrimediabilmente domani.

Secondo i calcoli della Ragioneria dello Stato, tra dieci anni i lavoratori dipendenti dovranno fare i conti con un assegno pari al 60-70% sull’ultima retribuzione, che però crollerebbe in caso di precariato. Per non parlare dell’età pensionistica, attestata tra i 69 e i 73 anni.

“Non è un Paese per giovani”

Mentre la politica litiga su Quota 100 e sulla legge Fornero, un’analisi pubblicata da Repubblica fa luce sul destino di tanti giovani lavoratori. Sono i figli del “lavoro flessibile” degli anni Novanta, quelli entrati tardi in modo stabile nel mondo del lavoro. Un’intera generazione di giovani che oggi si trova in condizione di precariato e che – con l’aumento dell’aspettativa di vita e visti i salari – rischia di andare in pensione oltre i settant’anni, con assegni dimezzati rispetto all’ultimo stipendio.


Leggi anche: Borghese e i giovani che si rifiutano di lavorare al suo ristorante: lo sfogo dello chef


La previsione dell’età pensionistica

Ad esempio, per il 25enne che inizia a versare i contributi, l’età per la pensione si aggira tra i 69 e i 73 anni. La data precisa dipende dalla speranza di vita, parametro Istat che viene aggiornato con i requisiti della pensione ogni due anni. Ora è crollata a 84,9, per via della pandemia, ma dovrebbe tornare a salire nei prossimi decenni. E in base alla riforma Sacconi, se la speranza di vita si allunga l’età della pensione si allontana. Ma se si accorcia rimane uguale.

Perché i giovani italiani avranno una pensione da fame

Per quanto riguarda il calcolo dell’assegno pensionistico, molto dipende dalla stabilità del rapporto di lavoro, che come sappiamo bene oggi non è più una garanzia. Una carriera continua porterebbe i lavoratori dipendenti under 40 di oggi ad andare in pensione con un assegno tra il 62%-64% rispetto all’ultimo stipendio, che però crollerebbe tra il 43%-45% in caso di una carriera precaria. Stime che potrebbero tuttavia rivelarsi anche fin troppo ottimistiche. Per gli autonomi le previsioni sono ancora più buie fosche: 55-56% per chi avrà una carriera continua, 38-40% per i precari.

Lavoro giovani, boom di annunci stage-truffa: “400 euro per 12 ore al giorno”

“Ci laureiamo, ma non c’è lavoro”: la Sicilia tra le ultime per occupazione post laurea

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata