Home

Lunedì 17 dicembre ha avuto inizio la raccolta firme per la petizione attuata e sostenuta dalle associazioni R.U.M. (Rete Universitaria Mediterranea) e N.E.T. (New Engineering Tomorrow) che sarà presentata agli organi superiori al fine di prolungare l’apertura della Biblioteca Centrale d’Ingegneria fino alle ore 20:00. Essendo una delle biblioteche più grandi e frequentate dell’Ateneo è impensabile che essa debba chiudere i battenti alle ore 17:00 dal lunedì al giovedì e alle 13:00 il venerdì. Bisogna dar spazio agli innumerevoli universitari, che quotidianamente vi si recano per godere di uno spazio dove studiare, fronteggiando la carenza in merito nell’Ateneo. Il prolungamento degli orari di apertura della biblioteca vuole garantire la fruizione di un luogo di studio e approfondimento agli studenti. Secondo le associazioni studentesche sopra citate, R.U.M. e N.E.T, è inverosimile che la biblioteca debba essere chiusa ad orari incompatibili con le ore di lezione e di studio che ogni singolo studente deve affrontare giornalmente. In qualità di studente di Ingegneria, svolgo da tempo un ruolo attivo in R.U.M. Ingegneria e ho partecipato con entusiasmo all’iniziativa. Spero che la nostra proposta venga accolta anche dal resto degli studenti. La raccolta firme non si è ancora conclusa, è ancora possibile firmare la petizione presso l’auletta R.U.M. di Ingegneria situata vicino al centro stampa della Facoltà. Siamo in attesa di un vostro parere in merito e del vostro supporto, considerando che Noi, parte attiva dell’Università, siamo “l’Anima” dell’Ateneo.

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Claudio Grillo nasce a Erice il 6 agosto 1992. Fin dalla più giovine età si è sempre manifestata in lui quella voglia irrefrenabile di vivere i luoghi che frequenta partecipando in maniera attiva e attenzionandone i vari problemi. Il suo interesse partecipativo nei confronti della società cresce progressivamente negli anni, realizzandosi in maniera concreta al suo ingresso, come studente, presso la Facoltà di Ingegneria gestionale dell’Università degli Studi di Palermo, dove trova riscontro dei suo ideali nell'associazione universitaria R.U.M. (Rete Universitaria Mediterranea). Durante il suo percorso studentesco matura in lui il fermo pensiero che non vi è nulla di più interessante e appagante, per la proprio persona, che vivere l'Università come mente pensante e attiva.

2 Risposte

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata