Home

Sarà l’hotel più grande del mondo e potrà contare sulla bellezza di 10mila camere. Un’enormità che solo adesso potrà vedere la luce a causa di alcuni problemi finanziari che ne avevano rimandato l’apertura. Il Abraj Kudai è in costruzione a La Mecca, in Arabia Saudita, ed è stato progettato dal gruppo Dar Al Handasah, architetti che hanno già realizzato il Terminal 3 dell’aeroporto di Dubai.

L’imponente struttura, che richiama una vera e propria fortezza nel deserto, vanterà 10 mila camere, 45 piani, 4 eliporti, 70 ristoranti e occuperà una superficie pari a 1,4 milioni di metri quadrati. Ci saranno 12 torri, 10 delle quali offriranno sistemazioni a 4 stelle, mentre nelle altre due ci saranno i comfort di un albergo a 5 stelle. All’Abraj Kudai potrà soggiornare anche la famiglia reale, sì perché è stata progettata un’area dell’hotel accessibile solo a loro.

I lavori sono iniziati nel 2015 e sarebbe dovuto essere aperto già dal 2017. Il progetto richiedeva 3,5 miliardi di dollar di investimento ma, considerando che il proprietario dell’Abraj Kudai è il Ministero delle finanze del Regno dell’Arabia Saudita, le azioni del governo hanno influenzato direttamente The Saudi Binladin Group (SBL), di cui il Ministero è cliente.

I bassi prezzi del petrolio e la morte di 107 persone quando una gru del SBL è caduta sulla Grande Moschea della Mecca hanno bloccato la costruzione del Abraj Kudai. In ogni caso questo hotel dovrebbe essere inaugurato nel 2022.

Credits: iodonna.it Abraj Kudai

Leggi anche:

Sanremo, Mattarella balla su ‘Ciao Ciao’ della Rappresentante di Lista: il VIDEO è virale

tassista

I soccorsi ritardano, tassista aiuta una cliente a partorire: “L’avevo visto nei film”

Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata