Home

Ormai la privacy è una chimera. Quella che viviamo sul web e sui social è proprio una vita parallela. Una vita fatta di incontri, di relazioni, di attività, di esperienze che puntualmente raccontiamo e documentiamo.

Ogni cosa che facciamo in rete lascia una traccia e spesso non è un problema, anzi. Queste testimonianze sono utili per sapere cosa facciamo, per conoscere le nostre competenze, per ritrovare o rinsaldare vecchi e nuovi contatti.

Leggi anche: Università, ecco le migliori d’Italia: la classifica completa

Quelle tracce scomode sul web…

Ma cosa succede se qualcuno parla male di noi online? Se nel web finiscono informazioni non vere, foto e video personali che non dovrebbero essere visti? La questione non riguarda solo la violazione della privacy, c’è anche la nostra reputazione da proteggere. E addirittura di vere e proprie attività criminali legate a ricatti ed estorsioni.

“Di questi argomenti se ne parla troppo poco e c’è una scarsa consapevolezza da parte delle persone sui reali rischi che si corrono utilizzando gli strumenti digitali”, dice Sveva Antonini di Tutela Digitale a Vanity Fair.

“Quando gli utenti si rivolgono a noi, spesso sono smarriti, a volte anche sconvolti, preoccupati per la loro reputazione e bisognosi di essere aiutati a cancellare le tracce digitali che creano dei problemi”.

Esistono aziende specializzate nel fornire servizi di controllo e rimozione di testi, articoli, foto e video che sono sfuggiti dal nostro controllo. A rivolgersi a loro ci sono molti professionisti e imprenditori, medici, avvocati magari finiti in inchieste giudiziarie per le quali o non c’entravano niente. O del tutto prosciolti che però hanno ancora il loro nome inserito in articoli e commenti.

Ma si rivolgono a queste aziende anche vittime di cyberbullismo, di revenge porn, di ricatti sessuali messi in piedi da professionisti del crimine. 

Le tracce che lasciamo online sono davvero tante ma non tutte, per fortuna, sono indelebili. Queste aziende specializzate si occupano proprio di aiutare le persone a eliminare dalla rete i contenuti che non sono più pertinenti o adeguati. O che sono stati usati senza il nostro consenso, a maggior ragione se ledono la reputazione.

Le tempistiche per la rimozizone sono di pochi giorni, nei casi più semplici anche poche ore.

Come proteggersi dal web, alcuni consigli

È essenziale però che anche ognuno di noi si tuteli e cerchi di evitare i pericoli della rete o almeno limitare i danni in caso in cui foto e video non autorizzati. Notizie datate che non rispettano più il diritto di cronaca, pagine e profili falsi sui social network, dati riservati, e altri contenuti ledano la nostra persona.

Ecco 6 consigli che possiamo seguire in modo semplice:

1. Usa gli strumenti di alert disponibili in rete per controllare la tua reputazione online (come ad esempio Google Alert)

2. Stai attento a ciò che posti perché lascerà una traccia di te e potrebbe essere visto dal tuo futuro datore di lavoro. Quando lo fai leggi attentamente le condizioni sull’utilizzo immagine che ti vengono postate. In ogni caso non pubblicare foto di minori.

3. Applica i filtri di privacy per singole foto e post che pubblichi (chi li può vedere, gruppi ristretti,…)

4. Proteggi la tua reputazione on-line ricorrendo al Diritto all’Oblio. Google ha messo a disposizione un modulo on line che permette di richiedere direttamente alla società di deindicizzare la notizia.

5. Se incappi in un sexy ricatto e chiedono pagamento non lo fare e rivolgiti senza vergona alle forze dell’ordine.

6. Il sexting è pericoloso. Se decidi di farlo evita di mostrare il tuo volto o particolari riconducibili a te (es. tatuaggi)

Proteggiamo la nostra privacy!

Bridgerton, Shonda colpisce ancora: ci sarà il prequel sulla regina nera

Covid, l’estate 2021 è partita: dove si può viaggiare e come affrontare la vacanza

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Maria Pia Scancarello

Da 13 anni laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ha deciso di fermarsi nella sua terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ha fondato una sua agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. E’ appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ha un debole per le giuste cause e per i Mulini a vento. Il suo sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione. Da 13 anni sono laureata in comunicazione e tecnica pubblicitaria. Dopo aver fatto diverse esperienze all’estero, ho deciso di fermarmi nella mia terra siciliana, collezionando anni di esperienza nel campo degli eventi e dell’organizzazione congressuale. Da pochissimo ho fondato una mia agenzia di eventi e comunicazione, la Mapi. Sono appassionata di moda, cinema e spettacolo. Ho un debole per le giuste cause e per i mulini a vento. Il mio sogno? Coltivare e mantenere vivo l’entusiasmo per la vita e per ogni sua piccola forma e manifestazione.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata