Home

Dodici ragazzi residenti a Capaci sono stati multati per essersi scattati una foto senza mascherina. La prova si trovava sul profilo Instagram di uno dei ragazzi, che ha pubblicato la foto. Per loro una multa di 400 euro per non aver portato la mascherina e non aver seguito le regole contro il contagio da Covid-19.

I genitori dei dodici giovani hanno protestato contro la sanzione e la definiscono “eccessiva”. “I nostri figli – spiega una della madri – hanno sbagliato a farsi quella foto senza dispositivi di protezione e così ravvicinati. Ma sarebbe stato meglio tirargli le orecchie e spiegargli, come avremmo fatto noi, il perché dell’errore”.


Leggi anche: Ecco quali saranno i 30 lavori più redditizi dei prossimi 10 anni


Pubblicano foto senza mascherina sui social, multati 12 ragazzi a Capaci

E aggiungono: “Invece il sindaco si è vantato sui social del fatto quando lui e i suoi assessori, come si vede da alcuni post pubblici su Facebook, sono stati i primi a sbagliare e scattarsi foto in violazione delle disposizioni anti Covid. Eppure dovrebbero essere i primi a dare l’esempio”.

I fatti risalgono allo scorso marzo. Ma ancora oggi si portano gli strascichi legati alla vicenda e sulla multa da 400 euro per ciascun ragazzo. Infatti al momento è in atto una guerra tra i genitori dei 12 multati e il sindaco della cittadina. Una delle mamme sostiene che il sindaco e alcune figure locali se ne siano infischiati delle regole esattamente come i loro figli. Il sindaco di Capaci, Pietro Puccio, spiega invece al sito Palermo Today: “Mi sembra una polemica infantile. Le immagini vanno contestualizzate e spesso gli spazi appaiono compressi, quindi non è possibile stabilire le distanza“.

Sempre Puccio controbatte: “E’ singolare che invece di prendere provvedimenti ed esercitare la propria potestà genitoriale queste persone si lamentino dell’accaduto. Ciascuno di loro può presentare ricorso”.


Leggi anche

Ficarra e Picone su Netflix, le anticipazioni sulla serie: quando e dove vedere le riprese a Palermo


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata