Home

Alcune Università nelle più grandi città dell’Afghanistan hanno ripreso le lezioni per la prima volta dopo la presa del potere da parte dei talebani. E nelle aule sono comparse delle tende che dividono in due le aule e separano gli studenti dalle studentesse. Lo riferisce la Reuters, che allega una foto tratta da alcuni social, nella quale uomini e donne siedono in un’aula di un ateneo di Kabul ‘tagliata’ in due da pesanti tende grigie che scendono dal soffitto.

L’affluenza agli atenei è stata comunque molto bassa – riporta l’Agi – con studenti e professori alle prese con le nuove restrizioni imposte dai talebani. Le donne possono frequentare i corsi sotto il nuovo regime, ma con importanti limitazioni su abbigliamento e movimenti. Non solo le tende nelle aule le separano dai colleghi maschi, ma le ragazze possono frequentare le lezioni solo se indossano un abaya – una tunica lunga – e un niqab – un velo che copre la maggior parte del viso.


Leggi anche: Kabul in mano ai talebani, studentessa afgana: “Ho paura di non poter tornare all’Università”


“I nostri studenti non lo accettano e dovremo chiudere l’Università“, ha detto Noor Ali Rahmani, direttore della Gharjistan University di Kabul, in un campus quasi vuoto. “Le nostre studentesse – ha aggiunto – indossano l’hijab, non il niqab”, ha aggiunto riferendosi al velo che lascia scoperto il volto. Domenica l’autorità educativa talebana ha emesso un lungo documento che delinea le misure per la presenza in aula. D’ora in poi nei college e nelle Università privati, che si sono moltiplicati dalla fine del primo regime talebano, le donne devono essere istruite solo da altre donne, o da “anziani”, e entrare da un ingresso riservato.

Devono anche finire le lezioni cinque minuti prima degli uomini per impedire loro di socializzare fuori. Finora i talebani non hanno parlato delle Università pubbliche. Jalil Tadjlil, portavoce dell’Università Ibn-e Sina di Kabul, ha affermato che sono già stati creati ingressi separati per uomini e donne. “Non avevamo l’autorità per accettare o rifiutare le decisioni che sono state imposte”, ha detto all’AFP, lamentando la “persistente incertezza” per la mancanza di studenti. L’Università ha pubblicato online una foto di studenti maschi e femmine separati da una tenda. Le immagini condivise su Facebook dal dipartimento di economia e management mostrano sei donne che indossano l’hijab e dieci studenti maschi con una tenda grigia che corre tra di loro separandoli. 

Leggi anche:

La lettera dello studente afghano all’università: “Temo di arrivare in ritardo, mi scusi”

Najeeb

Najeeb, da Kabul alla Sicilia: “Gli atenei italiani aiutino gli universitari afgani”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata