Home

Scandalo all’Università di Genova. Un professore di un liceo ligure avrebbe suggerito tramite messaggi WhatsApp alcune risposte d’esami a studenti universitari della Facoltà di Economia.

Non solo. Dietro compenso, avrebbe scritto per alcuni anche delle tesi alla fine del ciclo triennale. Insieme al docente, indagati 29 studenti dell’Università genovese.


Unipa, studenti contro il Rettore Midiri: “Ecco come vengono truccati i concorsi per i dottorati”


Le indagini

Gli episodi contestati risalgono fra il 2018 e il 2019. La Guardia di Finanza in un blitz aveva trovato in flagrante il professore a casa sua mentre suggeriva via telefono agli studenti le risposte degli esami. Nel registro degli indagati sono finiti anche i figli di alcune importanti famiglie genovesi, imprenditori e manager, dirigenti pubblici e politici. Ora, tutti devono rispondere tutti del reato di “repressione della falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di lauree, diplomi, uffici, titoli e dignità pubbliche”. E rischiano, in caso di accertato scopo di lucro, fino a tre anni di reclusione.

Fonte: Genova Today

Università, studente si suicida: era in ritardo con gli esami

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata