Home

Ha commosso tutto il Regno Unito la storia di Anabel Sharma, una 49enne sopravvissuta al Covid che ha raccontato gli ultimi momenti che ha trascorso accanto alla madre, Maria Rico, 76 anni, prima che questa morisse a causa della malattia.

Una triste vicenda, madre e figlia accomunate dallo stesso destino, l’ultima immagine insieme prima del dramma.

Una foto le ritrae mano nella mano in ospedale a distanza di poche ore dal decesso della genitrice. Come riporta il Sun, le due donne erano ricoverate nello stesso reparto di terapia intensiva a Leicester, dopo essere risultate positive al coronavirus.

La famiglia, che vive a Whitwick, Leicestershire, era stata infettata dopo che il figlio di 12 anni di Anabel aveva contratto il Covid 19 dopo il suo ritorno a scuola a settembre. Non è trascorso molto tempo prima che Maria, Anabel, suo marito Bharat e gli altri loro figli Jacob, 22 anni, e Noah, 10, si ammalassero tutti. Due settimane dopo il ricovero, mamma e figlia si sono re-incontrate perché i medici hanno messo il letto di Anabel accanto a quello di Maria. Gli stessi sanitari hanno però informato la 49enne che alla madre restavano poche ore di vita. La 76enne è spirata il 1° novembre.

La 49enne ha detto che la velocità con cui il virus ha devastato la sua famiglia è stata “spaventosa”, aggiungendo che è ” come giocare alla roulette russa, se sopravviverai…”.

Anabel ha detto al Sunday People: “Se qualcuno sta pensando di infrangere le regole, lo esorto a mettersi nei miei panni e pensare a come sarebbe vedere tua madre morire o sentirti dire che potresti non sopravvivere”. La figlia ha potuto assistere al funerale della madre tramite uno schermo in ospedale.

Da allora Anabel ha subito danni permanenti ai polmoni e ha ancora bisogno di ossigeno per respirare. La donna ha condiviso la sua storia sulla pagina Facebook Humans of Covid-19, istituita dal medico londinese Benji Rozen, per sensibilizzare alla devastante realtà del coronavirus.


Altre news:

Palermo calcio. Arriva il kit di benvenuto per i neonati

Università. Colpi di pistola contro la facciata della segreteria

“Sportinvilla”: a Villa Filippina, sport per giovani e adulti

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Fabio C.

I sogni non accadono se non agisci

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata