Home

Dopo l’ordinanza Musumeci ieri su Messina: “Palermo sia Zona Rossa. Andiamo verso la catastrofe”

A Palermo tuttora in vigore l’ordinanza sindacale n.165 del 12 dicembre scorso, che dispone il divieto di stazionamento in centro fino al 15 gennaio 2021. Il provvedimento potrà essere reiterato o modificato in ragione dell’evolversi della situazione epidemiologica

Le parole di Leoluca Orlando Siamo di fronte al dilagare dell’epidemia, spinto anche da comportamenti irresponsabili di tanti.

Oggi si è registrato un ulteriore aumento dei contagi

Fatto ancor più preoccupante, un indice di positività che sfiora il 20%, con gli ospedali e i Pronto soccorso prossimi alla saturazione. Prima che sia troppo tardi, prima che si contino in Sicilia migliaia di morti, torno a chiedere al Governo nazionale di dichiarare la nostra regione Zona Rossa”.

Lo afferma il sindaco di Palermo Leoluca Orlando che aggiunge:

“in attesa che questo avvenga, chiedo al Presidente Musumeci di provvedere a dichiarare Zone Rosse tutti i capoluoghi, che sono quelli più esposti, come dimostrano i dati di Catania, Messina, Palermo e Siracusa”.

Ieri il presidente Musumeci aveva dichiarato

«l’esito del sondaggio di Demopolis conferma come la stragrande maggioranza dei siciliani, il 70%, sia favorevole alle misure restrittive che abbiamo dovuto adottare. Un terzo dei siciliani, addirittura, vorrebbe misure più stringenti.

Certo, se non ci fosse stata durante le festività la indisciplina di una ristretta minoranza, che impone a tutti gli altri enormi costi sociali ed economici, non avremmo avuto necessità di chiedere a Roma di diventare

“zona arancione”. Auspico che i prefetti ed i sindaci diano disposizioni più rigorose alle Forze dell’ordine ed alla polizia municipale affinché la vigilanza, soprattutto nei luoghi della movida, sia diffusa e più efficace.

Al tempo stesso, vorrei assicurare i nostri operatori economici nelle zone rosse

Di avere già inoltrato al presidente Conte una lettera, firmata assieme ai colleghi delle altre quattro Regioni arancione, per chiedere che il Governo ci fornisca doverose e puntuali rassicurazioni circa un’immediata messa in campo di ristori.

E della loro quantificazione, come previsto per le zone rosse, onde evitare ulteriori penalizzazioni alle categorie operanti:

Nelle attività produttive, commerciali, ricettive, turistiche, gastronomiche, sportive e ricreative. Affinché venga scongiurato il rischio, assai concreto, che interi comparti vengano definitivamente cancellati dalla geografia delle nostre Regioni».ù


Altre notizie:

“Esclusi dal diritto di fare il vaccino anti Covid”. Lettera di protesta dei Professionisti Sanitari

Messina è “zona rossa”. Sarà lockdown totale

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata