Home

Domani, domenica 14 novembre, si celebra la Giornata mondiale del diabete e anche Unipa sarà sul campo per celebrarla e favorire una maggiore prevenzione. Lo slogan scelto quest’anno è “Fai luce sul diabete” e, come accadrà in tutta Italia e nel mondo, anche Palermo avrà un faro di colore blu che in questo caso illuminerà Palazzo delle Aquile. Così da accendere i riflettori su questo tema.  

Domenica nell’atrio di ingresso di Palazzo delle Aquile – dalle 10.30 alle 16.30 – il personale medico e infermieristico della struttura complessa di Malattie endocrine, del ricambio e della nutrizione, diretta da Carla Giordano, misurerà i valori della glicemia. E inoltre effettuerà visite diabetologiche gratuite. Saranno presenti gli studenti della Scuola di medicina dell’Università di Palermo che in camice e con fonendoscopio andranno in giro per le strade del centro storico per favorire la partecipazione e l’adesione alla campagna di prevenzione.


Leggi anche: Un paziente Covid su 4 ha il diabete ed è più a rischio


Unipa e i suoi studenti in piazza contro il diabete, controlli gratis per tutti

“La pandemia – spiega Giordano – ha influito negativamente sulla conduzione medica e terapeutica dei pazienti. Ha anche causato trascuratezza in tutti i sensi. Effetti che oggi stiamo osservando con la progressione di severe complicanze in quanto il diabete è la prima causa di infarto, cecità, dialisi e amputazione degli arti”.

E aggiunge: “Ci auguriamo che la partecipazione della popolazione sia elevata. La giornata mondiale del diabete rappresenta un’occasione di prevenzione importante. Al tempo stesso di sensibilizzazione dell’opinione pubblica rispetto alla necessità che tutti i pazienti affetti da diabete mellito possano avere pari accesso alle cure”.


Leggi anche:

Unipa

Unipa, cambiano i direttori di dipartimento: ecco quali professori sono stati nominati

onorificenze

Mattarella conferisce 33 onorificenze al Merito, ci sono dei siciliani: ecco l’elenco

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata