Home

Hai avuto esperienze di molestie? Raccontale”. Diceva così l’appello lanciato il 26 novembre da due pagine Instagram gestite da studenti universitari, Spotted_Polito e Unito_Spotted.

Le risposte? Numerose e preoccupanti. Da semplici raccoglitori di vita universitaria tra spotted e meme divertenti, le due pagine sono diventate in pochi secondi uno spazio anonimo di denuncia per centinaia di studentesse, testimoni di una parte di società ancora piena di comportamenti violenti e stereotipi di genere. Ecco tutte le testimonianze pubblicate su “La Repubblica”. 

Molestie all’Università di Torino: da una domanda infiniti messaggi-denuncia

È bastata una domanda pubblicata nelle stories a generare una desolante e funesta pioggia di messaggi-denuncia di molestie avvenute fuori e dentro l’università. Il doloroso e inevitabile eco della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne è ancora vivo e le studentesse universitarie hanno fatto sentire la loro voce con testimonianze e racconti di molestie subite attraverso la chat delle pagine Spotted gestite dagli studenti dell’Università di Torino.

L’amministratore di Spotted- Polito ha raccontato a “La Repubblica”: “Chi ci ha scritto si è fidato di noi, qualcuno dice di aver raccontato cose che non ha mai trovato il coraggio di dire a nessuno. Tutto questo ci ha sorpreso anche se i nostri follower sono sempre stati molto attivi. Questa è una cosa diversa. Non ci aspettavamo questa valanga di messaggi. E’ qualcosa su cui riflettere, sono testimonianze toste“.

Una studentessa, ad esempio, ha scritto: “Avevo 17 anni, stavo andando al mare in macchina con il mio, per fortuna, ex ragazzo, e quando sbagliammo strada si arrabbiò moltissimo con me e mi tirò uno schiaffo che mi fece volare gli occhiali”. Un’altra studentessa ha denunciato un collega di università perché “commentava il mio corpo e quando passavo mi toccava”.

Nel messaggio ha spiegato che un giorno ha voluto rispondergli dicendogli che fosse “un gran maleducato” ma la sua reazione non è stata quella di pentimento: “Mi ha bloccato ovunque e ha iniziato a insultarmi nel gruppo WhatsApp del corso”. 

Le denunce per molestie delle studentesse: nel mirino anche i prof universitari

La pioggia dei messaggi-denuncia delle studentesse, tuttavia, non coinvolge solo ex fidanzati, parenti o colleghi. Numerosi sono anche i messaggi in cui ad essere denunciati sono proprio i docenti universitari.

Una studentessa, ad esempio, ha scritto: “Primo anno, professore del Politecnico mi costringe più volte ad andare alla cattedra di fronte a tutta l’aula per fare da valletta con tanto di allusioni sessuali e faccia da maniaco”. Un’altra, invece, ha raccontato un insolito episodio avvenuto durante la verbalizzazione di un voto: il docente le ha fatto capire che avesse superato l’esame solo perché “signorina”.

Le sue parole: “Esame superato perché lei è una signorina. Fosse stato un ragazzo probabilmente non sarebbe andata così”.

Un’altra, inoltre, ha parlato di alcuni comportamenti assunti da un docente durante una revisione: “Il prof ad ogni revisione mi faceva battute a doppio fine.

Una volta si è messo la mano tra i pantaloni e gli slip per grattarsi durante una revisione, mentre ero accanto a lui. Ha quasi rifiutato il mio esame dato al primo appello perché avrebbe voluto che andassi a più revisioni”. 

Messaggi-denuncia: come rispondono le istituzioni?

Sono chiare le parole degli amministratori delle pagine, ancora stupiti di aver scoperchiato un vaso di Pandora: “Le storie che riguardano l’ateneo non sono la maggioranza ma ci sono, forse cercheremo di contattare le istituzioni dell’università perché questo è un tema che non può passare sotto silenzio“.

La vicerettrice per le pari opportunità Claudia De Giorgi, ad ogni modo, ha prontamente colto il grido dall’allarme dichiarando: “Come Politecnico abbiamo un pool di persone che lavora per le pari opportunità, per scardinare le disuguaglianze. Questa bomba non ci coglie impreparati, ma sorprendono i numeri: i casi sono molti di più di quelli che vengono denunciati alla consigliera di fiducia dell’ateneo, Arianna Enrichens, o al Comitato unico di garanzia. Nonostante il nostro impegno per creare un clima di fiducia nelle istituzioni dell’università, c’è ancora del lavoro da fare“. 

Molestie sui gruppi WhatsApp: le denunce delle studentesse

Le segnalazioni, purtroppo, non finiscono qui. Come reso noto da alcune studentesse di PadovaRomaRovereto e Napoli, negli ultimi mesi sono stati presi di mira anche i gruppi WhatsApp.

Una studentessa di Volano a “Giornale Trentino” ha raccontato, ad esempio, che un malintenzionato contatterebbe le ragazze chiedendo informazioni sui corsi di studi e poi si spingerebbe ad apprezzamenti pesanti allegando foto oscene.

Lo stesso modus operandi è adottato da altri uomini in altre università italiane da nord e sud. “Napoli Zon” dà un nome allo stalker, riportando il messaggio inviato ad una studentessa: “Ciao piacere, sono Filippo, non ci conosciamo personalmente ma ho trovato il tuo contatto nel gruppo di Beni Culturali su Whatsapp. Io attualmente lavoro, ma mi piacerebbe studiare come arricchimento personale. Scusami se ti disturbo ma volevo chiederti se mi consigliavi questo percorso di studi”. Il suddetto Filippo da semplici informazioni universitarie proseguirebbe in seguito con vere e proprie avances sessuali.

L’impegno di Younipa: un indirizzo email per raccogliere segnalazioni

Anche noi di Younipa vogliamo, nel nostro piccolo, metterci a disposizione delle studentesse e ragazze che vivono situazioni simili e che non riescono a trovare il coraggio di denunciarle.

Diciamo quindi a tutte voi, ragazze e donne che ci seguite di scriverci alla mail [email protected] per segnalarci eventuali situazioni di violenza e di abusi, possiamo fare da filtro. Tratteremo le vostre comunicazioni in maniera anonima e vi metteremo in contatto con persone che potranno aiutarvi.

Tacere non è mai la scelta giusta. Anche se parlarne è difficile e fa paura. Sappiate che il coraggio e la forza si nascondono dentro ad ognuno di noi, basta solo saperle tirare fuori. La condivisione aiuta a superare anche le situazioni più dolorose.
Noi ci siamo! Combatteremo al vostro fianco tutte le battaglie necessarie!


Leggi anche:

L’annuncio di Moderna: “Vaccino efficace al 100% contro i casi gravi di Covid”

Cashback di Natale. Rimborso di 150 euro sugli acquisti. Come ottenerlo

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata