Home

Le ricerche sul Vaccino Coronavirus: i ricercatori ne stanno testando 49 varietà, in sperimentazioni cliniche sugli esseri umani. Almeno 88 vaccini preclinici sono oggetto di indagini attive sugli animali. I vaccini richiedono in genere anni di ricerca e di test prima di raggiungere la clinica, ma gli scienziati stanno correndo per produrre un vaccino contro il coronavirus sicuro ed efficace entro il prossimo anno.

I lavori sono iniziati a gennaio con la decifrazione del genoma di SARS-CoV-2 . I primi test sulla sicurezza dei vaccini sugli esseri umani sono iniziati a marzo e ora in 10 hanno raggiunto le fasi finali dei test.

Alcune di queste prove falliranno e altre potrebbero terminare senza un risultato chiaro. Alcuni vaccini potrebbero riuscire a stimolare il sistema immunitario e a produrre anticorpi efficaci contro il virus.

Sars Cov-2 Coronavirus

Vaccini in sperimentazione


Ecco lo stato di tutti i vaccini che hanno raggiunto la sperimentazione sugli esseri umani, insieme a una selezione di vaccini promettenti ancora in fase di sperimentazione sugli animali.

Sebbene questi vaccini possano potenzialmente prevenire l’infezione, non possono curare la malattia.


Fasi del vaccino


35

FASE 1

Testare la sicurezza e il dosaggio del vaccino

14

FASE 2

Prova di sicurezza del vaccino in espanso

11

FASE 3

Test di efficacia del vaccino in larga scala

6

LIMITATO

Vaccino approvato per l’inizio della somministrazione limitata ad alcuni soggetti

0

COMPLETATO

Vaccino approvato

Laboratorio Covid 19

Il processo di analisi dei vaccini

Il ciclo di sviluppo di un vaccino, dal laboratorio alla clinica.

analisi dei vaccini covid

TEST PRECLINICI

Gli scienziati testano un nuovo vaccino sulle cellule e poi lo somministrano ad animali come topi o scimmie per vedere se produce una risposta immunitaria. Abbiamo confermato 88 vaccini preclinici in sviluppo attivo.

FASE 1 PROVE DI SICUREZZA

Gli scienziati somministrano il vaccino a un numero limitato di persone per testarne la sicurezza e il dosaggio, nonché per confermare che stimola il sistema immunitario.

FASE 2 PROVE ESTESE

Gli scienziati danno il vaccino a centinaia di persone divise in gruppi, come bambini e anziani, per vedere se il vaccino agisce in modo diverso in loro. Questi studi testano ulteriormente la sicurezza del vaccino e la capacità di stimolare il sistema immunitario.

FASE 3 PROVE DI EFFICACIA

Gli scienziati danno il vaccino a migliaia di persone e aspettano di vedere quante ne vengono infettate, rispetto ai volontari che hanno ricevuto un placebo. Questi studi possono determinare se il vaccino protegge dal coronavirus. A giugno, la FDA ha informato i produttori di vaccini che avrebbero voluto vedere le prove che i vaccini possono proteggere almeno il 50% di coloro che li ricevono . Inoltre, gli studi di fase 3 sono abbastanza grandi da rivelare prove di effetti collaterali relativamente rari che potrebbero essere trascurati negli studi precedenti.

APPROVAZIONE ANTICIPATA O LIMITATA

Cina e Russia hanno approvato i vaccini senza attendere i risultati degli studi di Fase 3. Gli esperti dicono che il processo affrettato presenta seri rischi .

APPROVAZIONE

Le autorità di regolamentazione di ogni paese esaminano i risultati della sperimentazione e decidono se approvare o meno il vaccino. Durante una pandemia, un vaccino può ricevere l’autorizzazione all’uso di emergenza prima di ottenere l’approvazione formale. Una volta che un vaccino è stato autorizzato, i ricercatori continuano a monitorare le persone che lo ricevono per assicurarsi che sia sicuro ed efficace.

FASI COMBINATE

un modo per accelerare lo sviluppo del vaccino è combinare le fasi. Alcuni vaccini contro il coronavirus sono ora in fase di sperimentazione 1/2, ad esempio, in cui vengono testati per la prima volta su centinaia di persone. (Tieni presente che il nostro tracker conta una prova combinata di Fase 1/2 sia come Fase 1 che come Fase 2.)

IN PAUSA

se gli investigatori osservano sintomi preoccupanti nei volontari, possono mettere in pausa un processo . Dopo un’indagine, il processo può riprendere o essere abbandonato.

Test sugli animali

Vaccino Coronavirus, vaccini genetici

Vaccini che rilasciano uno o più geni del coronavirus nelle nostre cellule per provocare una risposta immunitaria.

vaccini genetici

Moderna

Moderna sviluppa vaccini basati sull’RNA messaggero (mRNA) per produrre proteine ​​virali nel corpo. Non ne hanno ancora portato uno sul mercato. A gennaio, hanno iniziato a sviluppare un vaccino per il coronavirus e da allora il governo ha finanziato gli sforzi di Moderna, fornendo quasi 1 miliardo di dollari a sostegno. In collaborazione con National Institutes of Health , hanno scoperto che il vaccino protegge le scimmie dal coronavirus. A marzo, la società ha inserito il primo vaccino Covid-19 in studi sull’uomo , che hanno prodotto risultati promettenti . Il vaccino è passato alla fase 3 dei test, iniziati il 27 luglio.

Ad ottobre, la società ha annunciato che avevano finito di reclutare tutti i 30.000 partecipanti allo studio, comprese 7.000 persone di 65 anni o più. Il protocollo di sperimentazione di Moderna, che la società ha condiviso a settembre, indica che aspetterà fino a quando un numero significativo di volontari si ammalerà prima di vedere quanti di loro sono stati vaccinati. Osservano anche se qualche partecipante soffre di eventi avversi, indagando su casi gravi per vedere se il vaccino era la causa o solo una coincidenza. Se i loro risultati soddisfano i parametri di riferimento della FDA, Moderna potrebbe potenzialmente richiedere un’autorizzazione per l’uso di emergenza entro la fine del 2020.

Dal punto di vista commerciale, Moderna ha perso una controversia sui brevetti a luglio su alcune delle loro tecnologie di vaccino. Il mese successivo, ha dichiarato l’azienda che non poteva essere certo che fosse il primo a fare le invenzioni rivendicate nei loro brevetti, compreso il suo vaccino contro il coronavirus. Nel frattempo, l’azienda ha stipulato accordi con diversi paesi per fornire il vaccino se approvato. L’11 agosto, il governo degli Stati Uniti ha assegnato alla società un ulteriore $ 1,5 miliardi in cambio di 100 milioni di dosi se il vaccino si dimostra sicuro ed efficace. Moderna ha stretto accordi simili con Canada , Giappone e Qatar .


BioNTech

L’azienda tedesca BioNTech ha stretto collaborazioni con Pfizer , con sede a New York, e il produttore cinese di farmaci Fosun Pharma per sviluppare un vaccino mRNA da somministrare in due dosi. A maggio hanno lanciato una sperimentazione di fase 1/2 su due versioni del vaccino. Hanno scoperto che entrambe le versioni inducono i volontari a produrre anticorpi contro SARS-CoV-2, oltre a cellule immunitarie chiamate cellule T che rispondono al virus.

Hanno scoperto che una versione, chiamata BNT162b2, produceva un numero significativamente inferiore di effetti collaterali, come febbre e affaticamento, e quindi l’hanno scelta per passare alle prove di fase 2/3. Il 27 luglio le società hanno annunciato il lanciodi uno studio di fase 2/3 con 30.000 volontari negli Stati Uniti e in altri paesi, tra cui Argentina, Brasile e Germania. In uno studio ad interim, le aziende hanno riferito che dopo aver assunto la prima dose, i volontari sperimentano effetti collaterali per lo più da lievi a moderati. Il 12 settembre, Pfizer e BioNTech hanno annunciato che avrebbero cercato di espandere la loro sperimentazione negli Stati Uniti a 43.000 partecipanti. Il mese successivo, hanno ottenuto il permesso di iniziare a testare il vaccino su bambini di 12 anni, il primo studio americano a farlo.

A settembre, ha dichiarato il dottor Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer lo studio di Fase 3 avrebbe fornito risultati sufficienti già a ottobre per mostrare se il vaccino funzionava o meno. Il presidente Trump ha pubblicizzato i loro progressi, suggerendo che un vaccino sarebbe stato disponibile prima delle elezioni. Ma il 27 ottobre, il dottor Bourla ha annunciato che i volontari nella sperimentazione non avevano ancora avuto abbastanza casi di Covid-19 per determinare se i vaccini funzionavano.

Vaccino di Pfizer e BioNTech

Il vaccino di Pfizer e BioNTech, come quasi tutti gli altri negli studi clinici, richiede due dosi. In estate, le società hanno iniziato a concludere accordi per consegnare ordini di grandi dimensioni a paesi di tutto il mondo. L’amministrazione Trump ha assegnato un contratto da 1,9 miliardi di dollari a luglio per la consegna di 100 milioni di dosi entro dicembre e l’opzione per acquisire 500 milioni di dosi in più. Nel frattempo, il Giappone ha fatto un accordoper 120 milioni di dosi e l’Unione Europea ha disposto l’acquisto di 200 milioni di dosi. Se il loro vaccino sarà autorizzato, Pfizer e BioNTech prevedono di produrre oltre 1,3 miliardi di dosi del loro vaccino in tutto il mondo entro la fine del 2021.

E’ di oggi la notizia anunciata da Pfizer, che il vaccino realizzato con il partner tedesco BioNTech, ha avuto un tasso di efficacia superiore al 90%, sette giorni dopo la seconda dose. Ciò significa che significa che la protezione si ottiene 28 giorni dopo che una persona inizia la vaccinazione. Il vaccino richiede due dosi. In un’intervista alla CNN, il CEO della Pfizer Albert Bourla ha definito il vaccino Covid-19 “il più grande progresso medico” degli ultimi cento anni.


Zydus Cadila

A luglio, il produttore indiano di vaccini Zydus Cadila ha iniziato a testare un vaccino a base di DNA fornito da un cerotto. Hanno lanciato una prova di fase 2 il 6 agosto.


CureVac

A marzo, l’amministrazione Trump ha tentato invano di invogliare CureVac a spostare la sua ricerca su un vaccino a mRNA dalla Germania agli Stati Uniti. L’azienda è andata avanti con il suo lavoro in Germania e ha trovato risposte promettenti nei topi . A luglio, hanno lanciato una sperimentazione clinica di fase 1, seguita da uno studio di fase 2 a settembre. Se quella sperimentazione genera buoni risultati, la società lancerà una sperimentazione di fase 3 entro la fine del 2020.

In un’intervista di settembre, l’amministratore delegato di CureVac ha affermato che la società produrrà 100 milioni di dosi entro la fine del 2020 e spera di ottenere l’approvazione qualche tempo nel 2021. CureVac ha collaboratocon la società Tesla di Elon Musk sulla creazione di “micro-fabbriche” di mRNA, che potrebbero essere potenzialmente impiegate in tutto il mondo per produrre miliardi di dosi del vaccino.


Imperial College

I ricercatori dell’Imperial College di Londra hanno sviluppato un vaccino a RNA “autoamplificante” , che aumenta la produzione di una proteina virale per stimolare il sistema immunitario. Hanno iniziato i test di Fase 1/2 il 15 giugno e hanno collaborato con Morningside Ventures per produrre e distribuire il vaccino attraverso una nuova società chiamata VacEquity Global Health. I ricercatori si aspettano di sapere se il vaccino sarà efficace entro la fine dell’anno .


AnGes

Il 30 giugno, la società di biotecnologia giapponese AnGes ha annunciato di aver avviato le sperimentazioni di fase 1 su un vaccino a base di DNA, sviluppato in collaborazione con l’ Università di Osaka e Takara Bio . L’azienda presenterà i primi risultati delle sperimentazioni a novembre e sta pianificando una sperimentazione di fase 3 entro la fine dell’anno.


Arcturus Therapeutics e la Duke-NUS Medical School

L’azienda californiana Arcturus Therapeutics e la Duke-NUS Medical School di Singapore hanno sviluppato un vaccino a mRNA. Ha un design “autoreplicante” che porta ad una maggiore produzione di proteine ​​virali. I test sugli animali hanno dimostrato che li proteggeva dalle infezioni. Ad agosto, Arcturus ha avviato una sperimentazione di fase 1/2 presso il Singapore General Hospital.


Inovio

La società americana Inovio ha sviluppato vaccini a base di DNA che vengono immessi nella pelle con impulsi elettrici da un dispositivo portatile. Hanno vaccini in studi clinici per una serie di malattie e in giugno hanno annunciato i dati provvisori di uno studio di fase 1 sul Covid-19 . Non hanno riscontrato effetti avversi gravi e hanno misurato una risposta immunitaria in 34 volontari su 36. Inovio deve ancora pubblicare i risultati dettagliati di questi studi, tuttavia, ed è coinvolto in diverse cause legali con gli azionisti e un partner dell’azienda. Il 28 settembre, hanno annunciato che la FDA aveva messo il vaccino in una sospensione clinica parziale a causa di domande sul dispositivo di somministrazione.


Genexine

La società coreana Genexine ha iniziato a testare la sicurezza di un vaccino a base di DNA a giugno. Prevedono di passare alle prove di fase 2 in autunno.


Accademia delle scienze mediche militari , Suzhou Abogen Biosciences e Walvax Biotechnology

A giugno, i ricercatori cinesi dell’Accademia delle scienze mediche militari , Suzhou Abogen Biosciences e Walvax Biotechnology hanno annunciato che avrebbero avviato i primi test di sicurezza del loro paese su un vaccino a base di mRNA, chiamato ARCoV. Secondo quanto riferito, studi precedenti sulle scimmie hanno mostrato effetti protettivi.


Chulalongkorn University

I ricercatori della Chulalongkorn University thailandese hanno sviluppato diversi potenziali vaccini per il coronavirus. Il più lontano è un vaccino a base di mRNA noto come ChulaCov19. Il 29 settembre, il Chula Vaccine Research Center ha registrato uno studio di fase 1 per testarlo sugli esseri umani. In un’intervista al Bangkok Post, il leader del progetto ha affermato che potrebbero essere prodotte fino a 30 milioni di dosi per la Thailandia e altri sei paesi asiatici se il vaccino si dimostrasse sicuro ed efficace.


Entos Pharmaceuticals

La società canadese Entos Pharmaceuticals ha creato un vaccino a DNA per il coronavirus. La maggior parte degli altri vaccini genetici portano il gene per la proteina spike sulla superficie del virus. Entos ha invece scelto il gene per il nucleocapside, una proteina che si trova all’interno della membrana del virus. Stanno scommettendo che possa offrire un’immunità duratura. A ottobre, Entos ha lanciato una sperimentazione di fase 1 in Canada per il suo vaccino, chiamato Covigenix VAX-001.


Sanofi

L’azienda farmaceutica francese Sanofi sta sviluppando un vaccino mRNA in collaborazione con Translate Bio . Hanno scoperto che produce una forte risposta anticorpale nei topi e nelle scimmie e stanno pianificando di iniziare le sperimentazioni di Fase 1 entro dicembre. Sarebbe diventato il secondo candidato vaccino contro il Covid-19 di Sanofi negli studi clinici, insieme al loro vaccino a base di proteine.


Altri vaccini genetici

Altri vaccini genetici in sviluppo preclinico attivo includono vaccini da: Applied DNA Sciences, EvviVax e Takis Biotech; DIOSynVax; Elixirgen Therapeutics; ETheRNA; HDT Bio; Istituto di ricerca sulle malattie infettive e Amyris; Mediphage Bioceuticals; i Consorzi OPENCORONA; Scancell; il Centro nazionale spagnolo di biotecnologia e il Consiglio nazionale delle ricerche spagnolo.

Vaccino Coronavirus, vaccini virali vettoriali

Vaccini che contengono virus progettati per trasportare i geni del coronavirus. Alcuni vaccini virali vettoriali entrano nelle cellule e inducono a produrre proteine ​​virali. Altri vettori virali si replicano lentamente, trasportando le proteine ​​del coronavirus sulla loro superficie.

vaccini virali vettoriali

CanSino Biologics

La società cinese CanSino Biologics ha sviluppato un vaccino basato su un adenovirus chiamato Ad5, in collaborazione con l’Istituto di biologia presso l’ Accademia delle scienze mediche militari del paese . A maggio, hanno pubblicato risultati promettenti di uno studio sulla sicurezza di Fase 1, e a luglio hanno riferito che i loro studi di Fase 2 hanno dimostrato che il vaccino produceva una forte risposta immunitaria. Con una mossa senza precedenti, l’esercito cinese ha approvato il vaccino il 25 giugno per un anno come “farmaco particolarmente necessario”. CanSino non direbbe se la vaccinazione sarebbe obbligatoria o facoltativa per i soldati. A partire da agosto, CanSino ha iniziato a eseguire prove di Fase 3 in diversi paesi, inclusa l’ Arabia Saudita, Pakistan e Russia .


Gamaleya Research Institute

Il Gamaleya Research Institute , parte del Ministero della Salute russo, ha lanciato a giugno sperimentazioni cliniche su un vaccino chiamato Gam-Covid-Vac. È una combinazione di due adenovirus, Ad5 e Ad26, entrambi progettati con un gene del coronavirus.

L’11 agosto, il presidente Vladimir V. Putin ha annunciato che un regolatore sanitario russo aveva approvato il vaccino , ribattezzato Sputnik V, prima ancora che le sperimentazioni di fase 3 fossero iniziate. Gli esperti di vaccini hanno denunciato la mossa come rischiosa e la Russia in seguito ha ritirato l’annuncio, affermando che l’approvazione era un “certificato di registrazione condizionale”, che dipenderà dai risultati positivi delle prove di Fase 3. Quelle prove, inizialmente pianificate per soli 2.000 volontari,sono stati ampliati a 40.000 . Oltre alla Russia, sono stati reclutati volontari in Bielorussia, Emirati Arabi Uniti e Venezuela. Il 17 ottobre è stata avviata in India una sperimentazione di fase 2/3 .

Il 4 settembre, tre settimane dopo l’annuncio di Putin, i ricercatori Gamaleya pubblicato i risultati di loro fase 1/2 di prova . In un piccolo studio, hanno scoperto che Sputnik ha prodotto anticorpi contro il coronavirus e lievi effetti collaterali. Nel frattempo, la Russia ha negoziato accordi per fornire il vaccino a paesi come Brasile, Messico e India .


Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston

Un decennio fa, i ricercatori del Beth Israel Deaconess Medical Center di Boston hanno sviluppato un metodo per produrre vaccini da un virus chiamato Adenovirus 26 , o Ad26 in breve. Johnson & Johnson ha sviluppato vaccini per Ebola e altre malattie con Ad26 e ora ne ha creato uno per il coronavirus. A marzo hanno ricevuto 456 milioni di dollari dal governo degli Stati Uniti per sostenere il loro passaggio alla produzione. Il vaccino ha fornito protezione negli esperimenti sulle scimmie . Johnson & Johnson ha iniziato le prove di fase 1/2 a luglio e ha lanciato una sperimentazione di fase 3con un massimo di 60.000 partecipanti a settembre. A differenza di altri vaccini negli studi di fase 3, il loro richiede solo una dose invece di due.

Ad agosto, il governo federale ha accettato di pagare 1 miliardo di dollari per 100 milioni di dosi se il vaccino fosse approvato. L’ Unione Europea ha raggiunto un accordo simile l’8 ottobre per 200 milioni di dosi. L’azienda punta alla produzione di almeno un miliardo di dosi nel 2021.

Il 12 ottobre, Johnson & Johnson ha annunciato di aver messo in pausa il suo processo per indagare su una reazione avversa in un volontario . Il processo riprese undici giorni dopo. Nonostante il ritardo, l’azienda prevede di ottenere risultati entro la fine dell’anno.


AstraZeneca e l’ Università di Oxford

La società britannico-svedese AstraZeneca e l’ Università di Oxford hanno sviluppato un vaccino basato su un adenovirus scimpanzé chiamato ChAdOx1. A maggio, gli Stati Uniti hanno assegnato al progetto 1,2 miliardi di dollari a sostegno di 300 milioni di dosi nel caso in cui il vaccino si dimostrasse efficace. Uno studio sulle scimmie ha scoperto che il vaccino proteggeva gli animali dalla malattia . In uno studio di fase 1/2, gli sviluppatori del vaccino non hanno rilevatoeventuali effetti collaterali gravi. Hanno scoperto che il vaccino generava anticorpi contro il coronavirus e altre difese immunitarie. Il vaccino ha iniziato i test di fase 2/3 in Inghilterra e India (dove è noto come Covishield). Inoltre, AstraZeneca ha avviato le sperimentazioni di fase 3 in Brasile, Sud Africa e Stati Uniti .

Ad agosto l’Unione Europea ha raggiunto un accordo per AstraZeneca per la consegna di 400 milioni di dosi se le prove danno risultati positivi. L’azienda ha detto che la loro capacità di produzione totale per il vaccino, se approvato, è di due miliardi di dosi. Il Serum Institute indiano ha già prodotto milioni di dosi da utilizzare nelle prove.

Il 6 settembre AstraZeneca ha interrotto le sperimentazioni globalidel vaccino per indagare su un volontario, che ha sviluppato una forma di infiammazione chiamata mielite trasversa. Entro una settimana, le prove iniziarono in tutti i paesi tranne gli Stati Uniti. Nel frattempo, un quotidiano brasiliano ha riferito il 21 ottobre che un volontario nel processo lì è morto di Covid-19. Sebbene AstraZeneca non abbia commentato il caso, il processo non è stato interrotto, il che ha portato esperti esterni a concludere che il volontario doveva aver ricevuto un placebo. Il 23 ottobre, la FDA ha autorizzato il riavvio del processo.


ReiThera

L’azienda italiana di biotecnologie ReiThera ha sviluppato un vaccino Covid-19, chiamato GRAd-COV2, che si basa su un adenovirus che infetta i gorilla. Lavorando in collaborazione con l’ Istituto Nazionale per le Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani di Roma, a fine luglio hanno avviato una sperimentazione di Fase 1 .


Vaxart

Mentre molti vaccini vengono somministrati come iniezioni, alcuni possono essere presi come una pillola. I vaccini orali sono stati approvati per malattie tra cui poliomielite, colera e febbre tifoide. La piccola azienda di San Francisco Vaxart è specializzata nello sviluppo di vaccini orali. Hanno creato e testato pillole per l’ influenza e altre malattie. All’inizio di quest’anno, Vaxart ha iniziato a lavorare su un vaccino orale per Covid-19. Contiene un adenovirus chiamato Ad5 (lo stesso vettore virale nel vaccino di CanSinoBio e nello Sputnik V russo).

Quando Vaxart ha somministrato la pillola ai topi , hanno prodotto anticorpi contro il coronavirus. I topi non soffrono di sintomi di Covid-19, tuttavia, quindi i ricercatori sono passati ai criceti, che lo fanno. Neluno studio inedito , hanno scoperto che il vaccino proteggeva i criceti da due importanti sintomi della malattia: perdita di peso e gonfiore dei polmoni. A ottobre, l’azienda ha iniziato a somministrare la pillola ai volontari in uno studio clinico di fase 1 .

Sebbene nessuno dei vaccini di Vaxart sia ancora stato concesso in licenza, il prezzo delle azioni della società è aumentato del 3,600% nella prima metà del 2020. A giugno, ha riferito il New York Times , un hedge fund che controllava in parte la società ha venduto la maggior parte delle sue azioni, compensando $ 200 milioni di profitti. Sulla scia di tale segnalazione, il Dipartimento di Giustizia ha iniziato a indagare sulla società, mentre una serie di azioni legali sono state intentate contro Vaxart, i suoi dirigenti e il suo consiglio di amministrazione.


Merck

La società americana Merck ha acquisito l’azienda austriaca Themis Bioscience a giugno e sta lavorando a un vaccino originariamente sviluppato presso l’ Institut Pasteur . Il vaccino utilizza un virus del morbillo indebolito che trasporta un gene per la proteina spike del coronavirus. I ricercatori hanno lanciato una sperimentazione di fase 1 ad agosto.


Università di Hong Kong e della Xiamen University

Nel 2019, i ricercatori dell’Università di Hong Kong e della Xiamen University hanno creato un vaccino spray nasale per l’influenza basato su una forma geneticamente indebolita del virus dell’influenza. All’inizio di quest’anno, hanno progettato il vaccino per produrre anche parte della proteina del coronavirus. Il 9 settembre, hanno ricevuto l’ approvazione per iniziare le sperimentazioni cliniche in collaborazione con la Beijing Wantai Biological Pharmacy.


Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni

Tre decenni fa, il Centro tedesco per la ricerca sulle infezioni ha sviluppato un vaccino contro il vaiolo da un virus innocuo chiamato Vaccinia Ankara modificato, o MVA in breve. Negli ultimi anni l’hanno adattato per creare un vaccino per la MERS, una malattia causata da un altro coronavirus. Questa primavera, hanno prodotto un vaccino a base di MVA per SARS-CoV-2, il coronavirus che sta causando la pandemia di Covid-19. Trasporta il gene per la proteina spike, che viene prodotta all’interno delle cellule che invade. Il 29 settembre, il centro e un consorzio di università tedesche hanno registrato una sperimentazione di fase 1 . Il vaccino dovrebbe essere pronto per l’approvazione entro la fine del 2021.


Merck

Oltre al suo progetto con Themis, Merck sta collaborando con IAVI per un secondo vaccino vettore virale. Si basa sui virus della stomatite vescicolare, lo stesso approccio utilizzato con successo da Merck per produrre il primo vaccino approvato per l’Ebola . Hanno progettato il loro vaccino contro il coronavirus come una pillola, che potrebbe potenzialmente renderlo più facile da distribuire rispetto alle siringhe per iniezioni. Merck e IAVI hanno ricevuto 38 milioni di dollari dal governo degli Stati Uniti per sostenere la loro ricerca e il 30 settembre hanno registrato una sperimentazione di fase 1 .


ImmunityBio

La società californiana ImmunityBio ha lanciato una sperimentazione di fase 1 di un vaccino Covid-19 a ottobre. Il vaccino utilizza l’adenovirus Ad5, lo stesso utilizzato da CanSinBio e dall’Istituto Gamelaya in Russia. ImmunityBio ha progettato il virus Ad5 per trasportare i geni di due geni del coronavirus. Oltre alla proteina spike, trasporta anche il gene per una proteina chiamata nucleocapside. L’azienda spera che questa combinazione provochi una forte risposta immunitaria al virus. Il presidente e CEO di ImmunityBio è il miliardario Patrick Soon-Shiong , proprietario del Los Angeles Times.


Istituto israeliano per la ricerca biologica

In primavera, l’ Istituto israeliano per la ricerca biologica ha iniziato a lavorare su un vaccino contro il coronavirus basato sui virus della stomatite vescicolare. Hanno progettato i virus per trasportare il gene per la proteina spike del coronavirus. Il 25 ottobre, il governo israeliano ha annunciato che il vaccino, chiamato Brilife , sarebbe entrato in fase di sperimentazione 1. Se il vaccino ha successo nelle sperimentazioni di Fase 1 e Fase 2, i ricercatori sperano di iniziare le sperimentazioni di Fase 3 nella primavera del 2021.


Novartis

La società svizzera Novartis produrrà un vaccino basato su un trattamento di terapia genica sviluppato dal Massachusetts Eye and Ear Hospital, dal Massachusetts General Hospital e dal Gene Therapy Program presso l’Università della Pennsylvania. Un virus chiamato virus adeno-associato trasporta frammenti del gene del coronavirus nelle cellule. Le prove di fase 1 inizieranno alla fine del 2020.


Altri vaccini virali vettoriali

Altri vaccini virali vettoriali in fase di sviluppo preclinico attivo includono vaccini da: Altimmune; Icahn School of Medicine al Monte Sinai; Intravacc; KU Leuven; Vaccini di Meissa; il Centro nazionale spagnolo di biotecnologia e il Consiglio nazionale spagnolo delle ricerche; Thomas Jefferson University e Bharat Biotechnology; Tonix Pharmaceuticals; Università di Pittsburgh; Vivaldi Biosciences; Washington University.

Vaccino Coronavirus, vaccini a base di proteine

Vaccini che contengono proteine ​​del coronavirus ma nessun materiale genetico. Alcuni vaccini contengono proteine ​​intere e alcuni ne contengono frammenti. Alcuni impacchettano molte di queste molecole su nanoparticelle.

vaccini a base di proteine

Novavax

Novavax, con sede nel Maryland, produce vaccini attaccando le proteine ​​su particelle microscopiche. In questo modo hanno preso una serie di malattie diverse; il loro vaccino antinfluenzale ha terminato le prove di fase 3 a marzo. La società ha avviato le sperimentazioni per un vaccino Covid-19 a maggio e la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations ha investito 384 milioni di dollari nel vaccino. A luglio il governo degli Stati Uniti ha assegnato 1,6 miliardi di dollari per sostenere le sperimentazioni cliniche e la produzione del vaccino .

Dopo aver ottenuto promettenti risultati degli studi preliminari nelle scimmie e gli esseri umani, Novavax ha lanciato una fase 2 di provain Sud Africa ad agosto. Lo studio in cieco controllato con placebo su 2.900 persone misurerà non solo la sicurezza del vaccino ma anche la sua efficacia. Il mese successivo, Novavax ha lanciato uno studio di fase 3 di prova di iscriversi fino a 15.000 volontari nel Regno Unito. Potrebbe potenzialmente fornire risultati entro l’inizio del 2021. Una più ampia sperimentazione di fase 3 è in fase di sviluppo da lanciare negli Stati Uniti entro la fine di novembre.

Se le prove avranno successo, Novavax prevede di fornire 100 milioni di dosi da utilizzare negli Stati Uniti entro il primo trimestre del 2021. A settembre Novavax ha raggiunto un accordo con il Serum Institute of India, un importante produttore di vaccini, che, secondo loro, avrebbe permesso loro di producono fino a 2 miliardi di dosi all’anno.


Anhui Zhifei Longcom

A luglio, la società cinese Anhui Zhifei Longcom ha avviato i test di Fase 2 per un vaccino che è una combinazione di proteine ​​virali e un adiuvante che stimola il sistema immunitario. L’azienda fa parte di Chongqing Zhifei Biological Products e ha collaborato con l’ Accademia cinese delle scienze mediche .


Finlay Vaccine Institute

Il 18 agosto, il capo dell’epidemiologia del ministero della salute pubblica di Cuba ha annunciato che il Finlay Vaccine Institute dell’Avana avrebbe avviato una sperimentazione clinica su un vaccino per Covid-19. Il vaccino, chiamato Soberana 1 , contiene una parte della proteina spike, chiamata RBD, insieme a due ingredienti extra: proteine ​​di un batterio e idrossido di alluminio. Questi ingredienti, noti come adiuvanti, potenziano la risposta del sistema immunitario al coronavirus RBD.


Vector Institute

Il 26 agosto, il Vector Institute , un centro di ricerca biologica russo, ha registrato uno studio di fase 1/2 per un vaccino contro il coronavirus che chiamano EpiVacCorona. Il vaccino contiene piccole porzioni di proteine ​​virali, note come peptidi. Secondo quanto riportato dai giornali , i processi EpiVacCorona erano già iniziati a quel punto. Il 14 ottobre , Vladimir Putin ha annunciato che la Russia ha concesso l’approvazione normativa a EpiVacCorona, rendendolo il secondo vaccino a ricevere quella designazione dopo il vaccino Sputnik V dell’Istituto Gamelaya. Come il vaccino Sputnik, EpiVacCorona ha ricevuto l’approvazione prima di una sperimentazione di fase 3 per dimostrare che era sicuro ed efficace. Il processo dovrebbe iniziare entro la fine dell’anno.


Sanofi

Oltre al vaccino mRNA, Sanofi ha sviluppato un vaccino Covid-19 basato su proteine ​​virali. Hanno prodotto le proteine ​​con virus ingegnerizzati che crescono all’interno delle cellule degli insetti. GSK ha integrato queste proteine ​​con adiuvanti che stimolano il sistema immunitario. Il vaccino si basa sullo stesso design utilizzato da Sanofi per creare Flublok , un vaccino approvato per l’influenza. Le aziende hanno lanciato una sperimentazione clinica di fase 1/2 a settembre. Hanno in programma di avviare una sperimentazione di fase 3 a dicembre e sperano di sapere se il vaccino sarà sicuro ed efficace entro la metà del 2021.

A partire da prima dell’inizio delle sperimentazioni cliniche, Sanofi ha negoziato diversi importanti accordi per la fornitura del vaccino, tra cui unAccordo da 2,1 miliardi di dollari con gli Stati Uniti per fornire 100 milioni di dosi. Il 18 settembre hanno concluso un altro accordo con l’Unione Europea per 300 milioni di dosi per una quantità non specificata, e successivamente hanno raggiunto un accordo con il Canada per un massimo di 72 milioni di dosi. Inoltre, Sanofi ha accettato di fornire 200 milioni di dosi a COVAX, una collaborazione internazionale per distribuire equamente il vaccino in tutto il mondo. Hanno in programma di preparare fino a un miliardo di dosi nel 2021.


SpyBiotech

SpyBiotech , una società scorporata dall’Università di Oxford, ha annunciato a settembre che i primi volontari di uno studio australiano di fase 1/2 stavano ricevendo il loro vaccino Covid-19. I ricercatori hanno creato il vaccino da una miscela di proteine. Alcune delle proteine, dai virus dell’epatite B , si assemblano in gusci cavi. I ricercatori hanno decorato questi gusci con parte della proteina del coronavirus. Il Serum Institute of India, che ha concesso in licenza la tecnologia a SpyBiotech, sta conducendo le prove.


Clover Biopharmaceuticals

Clover Biopharmaceuticals ha sviluppato un vaccino contenente la proteina spike dei coronavirus. Per stimolare ulteriormente il sistema immunitario, il vaccino viene somministrato in combinazione con i cosiddetti adiuvanti prodotti dal produttore britannico GSK e dalla società americana Dynavax . Gli investimenti di CEPI sosterranno lo sviluppo della produzione che potrebbe portare alla produzione di centinaia di milioni di dosi all’anno.

Clover ha lanciato una prova di fase 1 a giugno. A settembre la società ha annunciato che stava espandendo la sperimentazione e prevedeva di iniziare una sperimentazione di fase 2 entro la fine del 2020.


Università australiana del Queensland

Un vaccino dell’Università australiana del Queensland fornisce proteine ​​virali alterate per attirare una risposta immunitaria più forte. Esperimenti sui criceti hanno dimostrato che il vaccino li ha protetti dal coronavirus. L’università ha avviato le prove di Fase 1 a luglio, combinando le proteine ​​con un adiuvante prodotto da CSL . Se i risultati sono positivi, CSL farà avanzare le sperimentazioni cliniche in fase avanzata entro la fine del 2020. A settembre i produttori di vaccini hanno raggiunto un accordo con il governo australiano per fornire 51 milioni di dosi se le prove forniranno risultati positivi. Si aspettavano che la loro prima fornitura di vaccini sarebbe stata pronta a metà del 2021.


Medicago

Medicago , con sede in Canada , finanziato in parte dal produttore di sigarette Philip Morris, utilizza una specie di tabacco per produrre vaccini. Trasportano i geni del virus nelle foglie e le cellule vegetali creano quindi gusci proteici che imitano i virus. A luglio, Medicago ha lanciato gli studi di Fase 1 su un vaccino Covid-19 a base vegetale in combinazione con adiuvanti dei produttori di farmaci GSK e Dynavax . Il 23 ottobre, la società ha annunciato di aver raggiunto un accordo con il governo del Canada per fornire 76 milioni di dosi.


Vaxine

L’azienda australiana Vaxine ha sviluppato un vaccino che combina proteine ​​virali con un adiuvante che stimola il sistema immunitario. Una sperimentazione di fase 1 è iniziata durante l’estate e le prove di fase 2 dovrebbero iniziare entro la fine dell’anno.


Kentucky BioProcessing

Un secondo vaccino a base di tabacco è in fase di sviluppo presso Kentucky BioProcessing , una filiale americana di British American Tobacco, il produttore di Lucky Strike e altre sigarette. Come Medicago, Kentucky BioProcessing progetta una specie di tabacco chiamata Nicotiana benthamiana per produrre proteine ​​virali. L’azienda in precedenza utilizzava questa tecnica per produrre un farmaco chiamato Zmapp per l’Ebola. Dopo i test preclinici in primavera, hanno registrato una sperimentazione di fase 1 per il loro vaccino contro il coronavirus a luglio. Il processo dovrebbe iniziare a novembre.


Taiwan Medigen

Il produttore di vaccini con sede a Taiwan Medigen sta producendo un vaccino composto da una combinazione di proteine ​​spike e un adiuvante di Dynavax . Dopo una serie di promettenti esperimenti su animali, hanno iniziato l’iniezione di volontari per un trial di fase 1 in primi di ottobre .


Taiwan Adimmune

Il produttore di vaccini con sede a Taiwan Adimmune ha ottenuto il permesso di lanciare una sperimentazione di fase 1 il 20 agosto. Il vaccino contiene la sezione RBD della proteina spike del virus.


West China Hospital della Sichuan University

A luglio, i ricercatori del West China Hospital della Sichuan University hanno pubblicato uno studio su Nature che descrive un vaccino prodotto dalla regione RBD della proteina spike che potrebbe proteggere topi e scimmie dal coronavirus. Il 24 agosto hanno ottenuto l’ approvazione per eseguire una sperimentazione di fase 1. Per produrre il vaccino, i ricercatori codificano la regione RBD in un gene, che inseriscono in un virus. Quindi infettano le cellule degli insetti con il virus, inducendole a produrre la molecola in enormi quantità.


COVAXX

COVAXX con sede a New York , una sussidiaria di United Biomedical, ha creato un vaccino contenente parti di diverse proteine ​​virali. L’11 settembre hanno registrato uno studio di fase 1 a Taiwan. Hanno raggiunto un accordo con le autorità brasiliane per eseguire lì la loro sperimentazione di fase 2/3.


Università di Tubinga

In primavera, i ricercatori dell’Università di Tubinga in Germania hanno creato un vaccino composto da otto parti di due proteine ​​virali, insieme a un adiuvante immunostimolante. A settembre hanno lanciato una sperimentazione di fase 1.


Finlay Vaccine

A ottobre, il Finlay Vaccine Institute di Cuba ha avviato studi clinici sul loro secondo vaccino sperimentale per il coronavirus. Conosciuto come Sovereign 2 , contiene la parte RBD della proteina spike del coronavirus. Il frammento RBD è fuso con un vaccino antitetanico standard, che lo rende stabile. Utilizza anche idrossido di alluminio.


Corea del Nord

Il 18 luglio, la Commissione statale per la scienza e la tecnologia della Corea del Nord ha annunciato sul proprio sito web di aver avviato le sperimentazioni cliniche su un vaccino basato su parte della proteina del coronavirus. È difficile determinare in modo indipendente quanta verità ci sia nell’affermazione della dittatura isolata. La commissione ha affermato di aver testato il vaccino sugli animali, ma non ha fornito dati. Inoltre, ha affermato che le prove di efficacia dovrebbero essere condotte in un altro paese “poiché non vi è alcun caso di Covid-19 nella Corea del Nord”. Questa è un’affermazione che gli esperti esterni trovano altamente dubbia .


Baylor College of Medicine

Dopo l’epidemia di SARS nel 2002, i ricercatori del Baylor College of Medicine hanno iniziato a sviluppare un vaccino in grado di prevenire una nuova epidemia. Nonostante i primi risultati promettenti, il sostegno alla ricerca è scomparso. Poiché i coronavirus che causano la SARS e il Covid-19 sono molto simili, i ricercatori hanno rilanciato il progetto in collaborazione con il Texas Children’s Hospital . I ricercatori hanno scoperto che il vaccino Covid-19 produce anticorpi nei topi. Ad agosto, la società indiana Biological E lo ha concesso in licenza , dicendo che potenzialmente potrebbero produrre un miliardo di dosi all’anno. Le sperimentazioni cliniche dovrebbero iniziare ad ottobre.


Università di Pittsburgh

Un vaccino in fase di sviluppo dall’Università di Pittsburgh , chiamato PittCoVacc, è un cerotto sulla pelle con punte di 400 minuscoli aghi di zucchero. Quando vengono posizionati sulla pelle, gli aghi si dissolvono e rilasciano proteine ​​virali nel corpo. I suoi creatori stanno pianificando di iniziare le sperimentazioni cliniche alla fine del 2020.


Altri vaccini a base di proteine

Altri vaccini a base di proteine nello sviluppo preclinico attivo includono vaccini da: Adaptive Phage Therapeutics; AdaptVac e Bavarian Nordic; Istituto di biotecnologie applicate; Artes Biotech; Axon Neuroscience; BiOMVis e Università di Trento; City College di New York e TechnoVax; EpiVax; GeoVax; Heat Biologics; IBio e CC-Pharming; Icosavax e Università di Washington; Anticorpi ImmunoPrecise; IMV; Instituto Butantan; Intravacc; IrsiCaixa; Izmir Biomedicine and Genome Center; Università Nazionale Autonoma del Messico; Navarrabiomed; NidoVax; OncoGen; Oragenics; OSE Immunotherapeutics; Osivax; PDS Biotechnology; Pontificia Università Cattolica del Cile; Saiba; SK Bioscience; Symvivo; Università di Alberta; della Georgia e EpiVax; di Saskatchewan e VIDO-InterVac; della Virginia; UNSAM-CONICET; Vaxform; Vaxil-Bio; Vaccini VBI; Verndari; VIDO-InterVac; Voltron Therapeutics; Walter Reed Army Institute of Research; Wyss Institute e Harvard University; Yisheng Biopharma.

Vaccini contro il coronavirus inattivati ​​o attenuati

Vaccini creati da coronavirus indeboliti o coronavirus uccisi con sostanze chimiche.

Istituto di prodotti biologici di Wuhan

L’ Istituto di prodotti biologici di Wuhan ha sviluppato un vaccino virale inattivato, che la società statale cinese Sinopharm ha inserito nei test clinici. Lo studio di fase 1/2 ha mostrato che il vaccino ha prodotto anticorpi in volontari, alcuni dei quali hanno manifestato febbre e altri effetti collaterali. Hanno avviato le sperimentazioni di Fase 3 negli Emirati Arabi Uniti a luglio e in Perù e Marocco il mese successivo. Durante l’estate, ha poi affermato la società , il governo ha approvato l’iniezione di centinaia di migliaia di persone con i suoi due vaccini sperimentali. Il 14 settembre, gli Emirati Arabi Uniti hanno datoapprovazione di emergenza per il vaccino di Sinopharm da utilizzare sugli operatori sanitari.


Sinopharm

Sinopharm ha anche iniziato a testare un secondo vaccino virale inattivato, sviluppato dall’Istituto di prodotti biologici di Pechino . Dopo aver eseguito i primi studi clinici in Cina, hanno avviato gli studi di fase 3 negli Emirati Arabi Uniti e in Argentina . Durante l’estate, ha poi affermato la società , il governo ha approvato l’iniezione di centinaia di migliaia di persone con i suoi due vaccini sperimentali. Il 14 settembre, gli Emirati Arabi Uniti hanno dato l’approvazione di emergenza per il vaccino di Sinopharm da utilizzare sugli operatori sanitari prima che Sinopharm condividesse i dati che indicavano che era sicuro ed efficace. Nel mese di ottobre, il presidente del Sinopharm dettola società stava preparando la produzione dei loro due vaccini, con piani per la produzione di un miliardo di dosi all’anno.


Sinovac Biotech

La società privata cinese Sinovac Biotech sta testando un vaccino inattivato chiamato CoronaVac. A giugno la società ha annunciato che gli studi di fase 1/2 su 743 volontari non hanno riscontrato effetti avversi gravi e hanno prodotto una risposta immunitaria. Sinovac ha quindi avviato una sperimentazione di fase 3 in Brasile a luglio, seguita da altre in Indonesia e Turchia . Il 16 settembre, hanno registrato una sperimentazione di fase 1/2 del vaccino per bambini . Mentre Sinovac deve ancora rilasciare i dati di prova in fase avanzata, il 19 ottobre i funzionari in Brasile hanno affermato che era il più sicuro dei cinque vaccini che stavano testando nelle prove di fase 3.

Reuters ha riferitoche il governo cinese ha dato al vaccino Sinovac un’approvazione di emergenza per un uso limitato a luglio. A ottobre, le autorità della città cinese orientale di Jiaxing hanno annunciato che stavano dando CoronVac a persone con lavori ad alto rischio, tra cui operatori sanitari, ispettori portuali e personale di servizio pubblico.

Nel frattempo, Sinovac si sta preparando a produrre il vaccino per la distribuzione globale, raggiungendo un accordo per fornire all’Indonesia almeno 40 milioni di dosi entro marzo 2021. A settembre , Yin Weidong, CEO di Sinovac, ha detto che la società ha pianificato la distribuzione mondiale del vaccino all’inizio del 2021, compresi gli Stati Uniti.


Indian Council of Medical Research e il National Institute of Virology , la società indiana Bharat Biotech

In collaborazione con l’ Indian Council of Medical Research e il National Institute of Virology , la società indiana Bharat Biotech ha progettato un vaccino chiamato Covaxin basato su una forma inattivata del coronavirus. Studi su scimmie e criceti hanno scoperto che forniva protezione contro le infezioni. Quando la società ha avviato le sperimentazioni cliniche a luglio, sono circolate notizie secondo cui il vaccino sarebbe stato pronto entro il 15 agosto. Ma il CEO di Bharat ha detto ai giornalisti che sarebbe stato disponibile non prima dell’inizio del 2021. Il 23 ottobre, la società ha annunciato che stavano iniziando uno studio di Fase 3.


Istituto di biologia medica dell’Accademia cinese delle scienze mediche

I ricercatori dell’Istituto di biologia medica dell’Accademia cinese delle scienze mediche , che ha inventato vaccini per la poliomielite e l’epatite A, hanno avviato una sperimentazione di fase 2 su un vaccino con virus inattivato a giugno.


Centro Chumakov

Il Centro Chumakov presso l’ Accademia Russa delle Scienze ha sviluppato un vaccino inattivato coronavirus. Il 14 ottobre, l’agenzia di stampa TASS ha riferito che le sperimentazioni cliniche del vaccino sarebbero iniziate a Kirov e San Pietroburgo il 19 ottobre. Sul suo sito web, il centro ha dichiarato che avrebbe terminato la prima fase dei test il mese successivo.


Asia Kazakistan – Istituto di ricerca per i problemi di sicurezza biologica

La nazione dell’Asia centrale del Kazakistan ha iniziato la ricerca su un vaccino a base di coronavirus inattivati ​​durante l’estate. Il 28 agosto, il loro Istituto di ricerca per i problemi di sicurezza biologica ha registrato una sperimentazione di fase 1 sul vaccino, noto come QazCovid.


Shenzhen Kangtai Biological Products

Shenzhen Kangtai Biological Products è un’azienda cinese che produce vaccini per malattie come l’epatite B e il morbillo. Ad agosto, AstraZeneca ha raggiunto un accordo con loro per fornire alla Cina il loro vaccino mRNA. A ottobre Shenzen Kangtai ha lanciato una sperimentazione di fase 1 su 180 volontari del proprio vaccino, basato su coronavirus inattivati.


Altri vaccini contro il coronavirus inattivati ​​o attenuati

Altri vaccini contro il coronavirus inattivati ​​o attenuati in fase di sviluppo preclinico attivo includono i vaccini di: Codagenix; Valneva; Vivaldi Biosciences; Washington University; Western University.

Vaccino Coronavirus: Vaccini riutilizzati

Vaccini già in uso per altre malattie che possono anche proteggere dal Covid-19. I vaccini riutilizzati non sono inclusi nel nostro conteggio dei vaccini.

Murdoch Children’s Research Institute

Il vaccino Bacillus Calmette-Guerin è stato sviluppato all’inizio del 1900 come protezione contro la tubercolosi. Il Murdoch Children’s Research Institute in Australia sta conducendo uno studio di fase 3 chiamato BRACE per vedere se il vaccino protegge parzialmente dal coronavirus.


Altri vaccini riutilizzati

Altri vaccini riutilizzati sono in sperimentazione clinica condotta da: Bandim Health Project; Crown Coronation (Washington University e università partner); Hôpitaux de Paris; Louisiana State University Health Sciences Center di New Orleans; lo studio BADAS (Texas A&M University, Baylor College of Medicine, MD Anderson Cancer Center e Cedars-Sinai Medical Center); Istituto nazionale indiano per la ricerca sulla tubercolosi; BCG-CORONA (UMC Utrecht e Radboud University); Università di Campinas; University Health Network, Serum Institute of India, Max Planck Institute for Infection Biology e Verity Pharmaceuticals; Oklahoma Medical Research Foundation e l’Università dell’Oklahoma; Vakzine Projekt Management.

Condividi

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata