Home

Non si potranno fare cortei e manifestazioni, ma l’Italia potrà unirsi nel programma virtuale organizzato per celebrare il 75esimo anniversario della Festa della Liberazione. Da più enti sono state organizzate iniziative ed eventi online per ricordare il 25 Aprile, una delle ricorrenze più importanti e sentite della Repubblica. In sostituzione del corteo nazionale che ogni anno parte da Milano alle 15, l’Associazione nazionale dei partigiani ha lanciato l’appuntamento per la stessa ora, ma sui balconi, per intonare “Bella ciao” tutti insieme, con il tricolore esposto.

“Andiamo avanti con il 25 Aprile, con le celebrazioni, nel pieno rispetto dei dispositivi di sicurezza – ha annunciato l’Anpi -. In un momento intenso saremo insieme, con la Liberazione nel cuore. Con la sua bella e unitaria energia”.

La manifestazione virtuale – L’Italia potrà festeggiare la Liberazione attraverso la grande manifestazione virtuale 25 Aprile 2020 .iorestolibera .iorestolibero, trasmessa in streaming a partire dalle 14.30 dalla pagina Facebook “25 Aprile 2020-Io Resto Libero” e da numerose altre piattaforme il cui elenco è aggiornato sul sito www.25aprile2020.it. Il via sarà dato dall’Inno di Mameli cantato da Tosca, poi l’attrice Lella Costa introdurrà gli interventi di Carla Federica Nespolo, presidente nazionale dell’Anpi, Maria Lisa Cinciari Rodano, staffetta partigiana, Sara Diena, giovane attivista per il clima e la giustizia sociale.

Lo streaming chiuderà alle 15 con l’esecuzione di “Bella Ciao” dai balconi, come detto. L’Anpi invita gli italiani anche a intonare all’unisono il canto simbolo della lotta partigiana: “Insieme, seppur distanti”. 

All’iniziativa 25 Aprile 2020 .iorestolibera .iorestolibero è collegata la raccolta fondi, lanciata lo scorso 7 aprile, a favore della Caritas Italiana e della Croce Rossa Italiana per fornire aiuto a quanti non hanno un tetto o un pasto garantito. Oltre 200mila euro e 4mila persone hanno donato attraverso la piattaforma di crowdfunding GoFundMe, spesso anche piccole cifre, ognuno secondo le proprie possibilità, per un’iniziativa corale che ha unito i valori di liberta’ e solidarieta’. 

All’appello – inizialmente firmato da 1400 protagonisti italiani della cultura, della società civile, dello spettacolo e dello sport – hanno aderito più di 12 mila persone. 

Le iniziative di Arci – “La Libertà è Resistenza” sono le parole scelte da Arci per il 25 Aprile di quest’anno che “rappresenta, oggi più che mai, il momento per guardare al futuro riaffermando con forza i valori della Resistenza, della Costituzione e della democrazia – spiega l’associazione -. L’emergenza sanitaria non ha fermato la nostra comunità e sono centinaia gli appuntamenti promossi dall’Arci in tutta Italia per il 25 Aprile tra letture, film, video, approfondimenti, trasmissioni ed incontri social”.

Tra questi anche “25menouno – Resistenti tutto l’anno”, una maratona di artisti.Tra gli appuntamenti per il 25 Aprile ci sarà, tra gli altri, l’audio-presentazione del libro La bella resistenza. L’antifascismo spiegato ai ragazzi a Mantova, le decine di iniziative in Toscana e la diretta di Novaradio di Firenze, il progetto in Puglia, sulla pagina Facebook di Arci Bari, ‘Ogni giorno fa notte – parole per una prossima liberazione’, con la pubblicazione di video autoprodotti che raccolgono lettere e testimonianze di pugliesi che hanno conosciuto la prigionia, il confino o l’internamento durante il ventennio fascista.

Fondazione Circolo dei Lettori – Anche la Fondazione Circolo dei Lettori partecipa alle celebrazioni del 25 Aprile con un ricco programma speciale in diretta Facebook a partire dalle 11.30. Protagonisti della giornata saranno l’attore Neri Marcorè, la scrittrice Silvia Avallone e l’antropologo Giuseppe Melillo. “75 anni fa l’Italia sconfiggeva il nazifascismo – ha detto la direttrice della Fondazione Elena Loewenthal -. Sono figlia di ebrei perseguitati ma anche figlia di un partigiano che nel 1943, a diciassette anni, decise di salire in montagna a combattere per sé, per la sua famiglia, per il suo e il nostro Paese. La liberazione del 25 aprile ci riguarda tutti, chi c’era allora e chi è venuto dopo”.


Milano, il video realizzato dagli studenti durante la didattica a distanza: tante lingue che cantano “Bella ciao” – Gli alunni della scuola primaria IC Giacosa (ex Casa del Sole), all’interno del Parco Trotter, nel quartiere NoLo, a Milano, hanno realizzato un video in occasione del 25 Aprile. Ogni alunno ha interpretato la parola Liberazione come voleva e con materiali “liberi”, coordinati dalle maestre attraverso la didattica a distanza. Inoltre, la canzone che fa da contorno ai lavori è “Bella ciao”, cantata in diverse lingue. La IC Giacosa è infatti una scuola ad altissima densità di studenti stranieri (85%) e ciò spiega la scelta.

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.