Home

Oggi, 8 marzo, si celebra in tutto il mondo la Giornata internazionale della donna. Per l’occasione, abbiamo scelto una delle più belle poesie dialettali locali dedicata proprio alle donne.

All’origini ‘ddo munnu

Turnamu arreri, all’origgini dò munnu,

quannu o Signuri, ppì nun fari dannu,

ci vinni ‘mmenti na brillanti idea

e ‘nzemi a Adamu, criaò macari a Eva.

Raggiu di suli, ppì faricci i capiddi

ppì fari l’occhi si pricurò…’ddu stiddi,

ppì fari a vucca era ‘mpocu ‘ndecisu

poi ci pinzò….e ci fici lu surrisu.

Pì fari u restu, vi putiti ‘mmagginari

chi travagghiuni grossu ca app’a fari!

A sira, stancu mortu s’assittau

ma, mentri arripusava arriflittiu

….

era sicuru nun si scurdava nenti?

L’ultima cosa, e forsi a cchiù ‘mpurtanti,

‘ncoppu di manu e ci rituccò la menti

quattru e quattr’ottu e seduta stanti

la fici cchiù d’Adamu ‘ntilliggenti

e poi ci dissi….porta lu munnu avanti.

E così fu!

Francesca Privitera 1995


“La Sicilia è rosa”, record di donne manager nell’Isola: i dati

Paradosso, le donne più brave all’Università: ma pagate il 20% in meno degli uomini

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata