Home

Non c’è solo l’emergenza Covid a spaventare i sanitari siciliani, ma adesso spunta anche l’allarme peste suina africana a Palermo. La Regione Siciliana – spiega l’edizione odierna del Giornale di Sicilia – ha prorogato fino a giugno del 2023 il piano di controllo nella riserva orientata Monte Pellegrino a Palermo “da realizzarsi attraverso catture di cinghiali per scongiurare il diffondersi del virus nel nostro Paese”.

Secondo quanto riporta, dovranno essere segnalati alle autorità competenti (guardie forestali, polizia provinciale, guardia venatoria e servizi veterinari dell’Asp) gli eventuali animali catturati o quelli già morti ma che prima dell’abbattimento presentavano segni evidenti di malessere, come ad esempio scoordinamento motorio, convulsioni”.

Il parere positivo sul prolungamento del monitoraggio dopo l’allarme fornito il 16 luglio dal responsabile del servizio coordinamento fauna selvatica dell’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale di Roma: “Dato l’elevato rischio di introduzione del virus della peste suina africana nel nostro paese – si legge nella relazione – si evidenzia la necessità che l’Amministrazione dia opportune indicazioni al proprio personale affinché ogni cinghiale trovato morto, anche a seguito di incidente stradale ovvero abbattuto, sia segnalato”.

Leggi anche:

Palermo, incidente tra auto e cinghiali sulle Madonie: il mio racconto

Covid, la Sicilia resta bianca ma non del tutto: pronte nuove restrizioni

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata