Home

Lo show itinerante 4 Ristoranti sbarca a Pantelleria. A dare conferma della voce di corridoio delle foto scattate allo chef stellato tra le vie dell’isola minore siciliana. Al fianco di Borghese il van nero e dai vetri oscurati, che caratterizza il format, ormai cult anche fra i giovanissimi. Per l’isola di Pantelleria l’approdo del programma televisivo può solo rappresentare una gallina dalle uova d’oro.

Infatti risulta che ogni volta che un ristorante partecipa al format di chef Borghese, anche se non vincitore, la sua fama a livello nazionale aumenti. Sono molteplici i curiosi e viaggiatori, che dopo aver visto una puntata, decidono di visitare il territorio che fa da set. E sicuramente Pantelleria non sarà da meno.


Leggi anche: Vaticano, ecco perché il Ddl Zan violerebbe il Concordato: storia ed articoli


Alessandro Borghese e 4 ristoranti sbarcano a Pantelleria

Quella di 4 Ristoranti è una cartolina moderna e 4.0, necessaria in questo momento di ripresa per tutto lo lo stivale. In particolare per le isola minori, che in pratica vivono principalmente di turismo, sia estero che internazionale. Le riprese stanno avvenendo in queste ore e sembra che lo chef Borghese abbia optato per un look con camicia hawaiana e capellino da turista tedesco.

Il regolamento su cui si basa il programma “4 Ristoranti” è abbastanza semplice. E anche a Pantelleria le regole saranno sempre le stesse. Ci saranno 4 ristoratori, con i loro rispettivi locali e lavoratori, e si sfideranno per il titolo di miglior ristorante con un premio di 5mila euro, valutati sulla base dei voti dati (dagli altri contendenti e dallo chef Borghese) a location, servizio, menù e conto. Sarà poi il giudizio dello chef che potrà confermare o ribaltare la classifica finale.

Che la sfida abbia inizio e che porti un’accelerazione al motore economico della Sicilia e delle sue isole minori.


Potrebbe interessarti

Come in un film di fantascienza, l’Orto Botanico si illumina nelle notti d’estate


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata