Home

Angela da Mondello cambia rotta e decide di attaccare Barbara D’Urso. Da mesi la palermitana, divenuta celebre per l’intervista in cui afferma “Non ce n’è coviddi”, non si vede nei salotti della conduttrice Mediaset. A spiegare meglio la situazione è la stessa Angela nella sua web tv.

Dopo essere stata silurata da Mediaset, Angela da Mondello ha deciso di buttarsi su Youtube. Uno dei primi video si intitola per l’appunto “ADESSO DICO TUTTA LA VERITÀ CARA BARBARA D’URSO”. Tutto scritto in stampatello, come se fosse urlato. Come se Angela fosse arrabbiata.

“Questo è messaggio per la signora Barbara D’Urso. Ora voi direte, questa le starà leccando il culo”. Invece no, Angela decide di attaccare la conduttrice di Mediaset. “Sono stata 8 mesi, brava, zitta, buona. I tuoi giornalisti mi hanno usata nella spiaggia di Mondello. Tu mi hai cercata, chiamandomi al telefono. Mi hai pregato per venire da te”.

Poi Angela nel suo video/sfogo dichiara che la D’Urso sia una brava manipolatrice. “Barbara, tu sei davvero brava ad invogliare le persone. Ti faccio i complimenti. Io volevo solo che la gente mi capisse, però io ho voluto calcare l’onda. Tu mi hai usata”.


Leggi anche

Clamoroso dietrofront di Angela da Mondello: “Il Coviddi c’è”. Ecco il Video


Angela da Mondello contro Barbara D’Urso: “Mi hai usata per 8 mesi”

La signora del “Buongiorno da Mondello” poi ritiene che la D’Urso non l’abbia difesa da minacce di morte arrivate a lei e a sua figlia di soli 13 anni. “Avevi promesso che ci difendevi. Hai fatto audience con me e poi mi hai buttata nella spazzatura. Ti sei pulita le mani, come fai vedere nei tuoi video tutorial”.

“Barbara, ti sei presa gioco di me. I palermitani me lo dicevano, mai io non ci credevo”. Dopo mesi la signora di Mondello voleva ritornare negli studi televisivi, le piaceva l’ambiente “trash”, così ha chiesto un incontro con gli autori. Ma in poco tempo non è stata più ascoltata. “Il programma non aveva più bisogno di me“.

Il duello che Angela da Mondello ha creato sui social lo vorrebbe traslare in studio. “Io verrei da te non per i soldi, ma per affrontarti. Non ho bisogno dei tuoi soldi e faccio 20 ore di viaggio per parlare con te. Dimostra che hai un cuore, come spesso dici”. In questo modo l’animale da trash, creato nella totale casualità, si ribella alla sua creatrice. Un po’ come se Frankenstein volesse ribellarsi al suo creatore.


Leggi anche

Unipa, sospensione tirocini: lo sfogo di una studentessa a Younipa


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata