Home

Non c’è pace e lieto fine al momento per i tirocinanti regionali di Avviso 22. La loro storia potrebbe avere una svolta decisiva giorno 15 aprile, quando per alcuni tirocinanti potrebbero addirittura partire i primi pagamenti e per altri i secondi, dopo mesi e mesi di lunghe attese.

“La situazione è molto complicata. Speriamo che tutto fili liscio. Siamo abbandonati da troppi mesi e questo in uno stato civile non è possibile”, dice Oreste Lauria, tirocinante di Avviso 22 e portavoce in prima fila per la protesta.

Sono loro, le donne e gli uomini siciliani che con bandiere rosse e determinazione qualche settimana fa si sono visti scendere in piazza davanti le istituzioni della Regione Siciliana per reclamare solo ciò che spetta di diritto a loro: essere pagati per la prestazione lavorativa offerta.


Leggi anche : “Siamo in un limbo senza risposte”, continua la protesta dei tirocinanti siciliani Avviso 22


Dopo un paio di settimane si sa poco, tranne per una piccola luce di speranza. Giorno 1 aprile si è aperta una prospettiva di pagamento programmata per il 15 aprile. Tutto ruota sempre nel forse e del domani c’è poca certezza.

Lo speriamo. Ma se i pagamenti arrivano con i passi di tartarughe precedenti, ci crediamo poco”, dice a Younipa sempre Lauria dell’Avviso 22. Tra questi cittadini siciliani ci sono tanti che con i soldi del tirocinio pagano l’affitto della famiglia, il mutuo di una casa sognata, i libri di scuola per i figli o i tablet, dato che adesso Palermo si trova in zona rossa, il cibo e i beni per vivere.

Per loro la mancanza di questo pagamento è grave. “Speriamo che il 15 aprile ci possa essere un cambiamento e un pagamento per tutti noi. Tutto questo non ce lo meritiamo. Ci stanno portando alla sfinimento”, dice il portavoce in nome di tutto l’Avviso 22. 


Leggi anche

Anna Maria Battaglia, vittima del primo femminicidio a Palermo: “Intitolarle luogo simbolo


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata