Home

Due imprenditori palermitani sono stati arrestati questa mattina dal gruppo di Palermo della Guardia di Finanza. L’accusa è di bancarotta fraudolenta, omesso versamento di Iva e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte. Entrambi gli imprenditori lavorano nel settore delle pulizie. In manette Vincenzo e Liborio Abbate, rispettivamente di 49 e 53 anni.

Bancarotta fraudolenta, arrestati Vincenzo e Liborio Abbate

Sequestrati beni e somme di denaro per complessivi 650 mila euro, l’intero capitale sociale e relativi beni aziendali di 3 società per oltre 1 mln e 700 mila euro.

Le indagini svolte dagli investigatori del Gruppo di Palermo nel corso dell’operazione “Clean Up” avrebbero fatto emergere un complesso ed articolato “sistema” di società riconducibile ai due fratelli.

Un sistema “nell’ambito del quale – spiegano gli investigatori – le persone giuridiche coinvolte erano una la continuazione aziendale dell’altra, con analogo oggetto sociale, soci e coincidenza di sedi operative ed assets aziendali”.

Gli indagati avrebbero svuotato e poi messo in stato di insolvenza l’impresa originaria sorta nel 1986, mediante la creazione di una rete di società. Le società erano formalmente controllate dalla prima e soggette ad una direzione unitaria da parte dei due imprenditori.

E’ coinvolta nelle indagini, anche se non colpita dal provvedimento cautelare di oggi, la madre degli imprenditori, di 77 anni, che era formalmente, dal 2016, a capo della società poi fallita.

Leggi anche

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata