Home

Oggi, 2 giugno 2021, la Repubblica Italiana spegne ben 75 candeline. Rispolveriamo insieme la storia e le origini di questa data importante per l’intera nazione.

Festa della Repubblica: perché il 2 giugno?

Il 2 giugno del 1946 si tenne un referendum istituzionale con il quale gli italiani vennero chiamati a scegliere la forma di Stato del Paese. Monarchia o Repubblica, re o domus. Il referendum fu indetto al termine della Seconda guerra mondiale, qualche anno dopo la caduta del regime dittatoriale fascista.  

L’esito del referendum

Il risultato del referendum, per la prima volta con votazione a suffragio universale, cambiò per sempre la storia del Paese: 12 717 923 voti per la Repubblica e 10 719 284 per la Monarchia. Dopo 85 anni di regno, il 10 giugno 1946 la Corte di Cassazione dichiarò la nascita della Repubblica Italiana.


Leggi anche: Italia e opportunità: non è un paese per giovani


La fine della Monarchia e l’arrivo della Costituzione

Il re d’Italia, Umberto II di Savoia, decise di lasciare l’Italia e di andare in esilio in Portogallo qualche giorno dopo l’esito del referendum, il 13 giugno. Dal 1º gennaio 1948, con l’entrata in vigore della Carta Costituzionale, la legge fondamentale dello Stato Italiano, venne proibito ai discendenti maschi di Umberto II di Savoia l’ingresso in Italia. La disposizione verrà poi abrogata nel 2002.

La Legge n. 260 del 27 maggio 1949

Con l’entrata in vigore della Legge n. 260 del 27 maggio 1949, la data del 2 giugno fu riconosciuta ufficialmente festività nazionale. Nel 1977 venne soppressa a causa dell’elevato numero di festività infrasettimanali e della loro negativa incidenza sulla produttività del Paese, ma venne poi ripristinata nel 2001. Da allora, ogni 2 giugno, celebriamo il coraggio di tutti coloro che difesero la Patria e che contribuirono alla nascita di un’Italia libera e democratica.

2 giugno: le celebrazioni

La celebrazione principale della Festa della Repubblica avviene nella capitale, a Roma, con la deposizione di una corona d’alloro in omaggio al Milite Ignoto all’Altare della Patria da parte del Presidente della Repubblica, la classica parata militare lungo via dei Fori Imperiali (purtroppo rimandata anche quest’anno) e il volo delle frecce tricolore. Alle 19.30, su Rai1, verrà trasmesso il discorso del Capo dello Stato, Sergio Mattarella. Buona Festa della Repubblica a tutti!

Giugno è il mese del Pride, storia e significato delle manifestazioni LGBT

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata