Home

Una tragedia sfiorata, ancora una volta. È quello che poteva accadere ieri sera in viale Regione Siciliana se non ci fosse stato un passante a salvare la vita ad un giovane che voleva tentare il suicidio. Non è il primo caso che si presenta nel capoluogo siciliano. Il palermitano era fermo a cavalcioni sul cavalcavia di via Leonardo da Vinci e si era esposto dal guardrail, per gettarsi nel vuoto e farla finita per sempre.

Fortunatamente un passanta ha deciso di acciuffare il giovane e salvargli la vita prima che fosse troppo tardi. “Quando sono arrivato – ha raccontato il protagonista del salvataggio, Piero Corrao, 28 anni, al sito cittadino PalermoToday – ho notato un uomo a bordo di un’auto. Anche lui sopraggiunto in quel momento, che cercava di convincere il giovane a non gettarsi”.


Leggi anche: La “Vucciria” di Guttuso torna a Palermo sotto una nuova veste (FOTO)


Viale Regione, ragazzo tenta il suicidio dal ponte

E nella sua testimonianza il soccorritore cittadino continua: “Lui era a cavalcioni sul ponte e diceva che voleva farla finita. Approfittando di un momento di distrazione l’ho afferrato e tratto in salvo. Mentre lo tenevo fermo, disteso per terra, sono arrivate le volanti della polizia. Il ragazzo è stato poi portato in ospedale per le cure del caso”. Uno dei tanti casi di giovani abbandonati e dimenticati durante questo periodo pandemico.

Un caso di tentato suicidio non unico. Solo qualche mese fa, il 12 gennaio, un’altra giovane, di soli 25 anni, ha tentato l’estremo gesto dal ponte vicino il Motel Agip, sempre in viale Regione Siciliana. In quel momento a salvare la vita alla 25enne sono stati i militari, che hanno subito notato il disaggio psico-fisico della ragazza e l’hanno portata nell’ospedale più vicino della città.


Leggi anche

Rahmat ha 28 anni e si è laureato col massimo dei voti in Ingegneria meccanica: “L’Italia mi ha dato tutto quando non avevo niente”


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata