Home

Questa sarà la settimana decisiva per verificare gli effetti delle misure restrittive varate dal Governo nazionale e regionale. Conte programma un nuovo decreto ministeriale che conterrà le regole per il cenone e Capodanno e per lo shopping sul tavolo, mentre gli spostamenti tra regioni rimarranno in parte interdetti.

Il direttore della prevenzione del ministero Gianni Rezza avverte che “con l’escalation dei contagi si passa subito al livello superiore perché abbiamo bisogno di un sistema di allertamento precoce”.

Alcune regioni già da venerdì prossimo potrebbero passare dalla zona rossa a quella arancione. Proprio per l’effetto dell’andamento dell’indice di contagio Rt. La notizia è che la Sicilia, arancione, vede il livello Rt scendere da 1,28 a 1,13.

“Questa tendenza alla diminuzione della trasmissione, se confermata, e io spero che si confermi nei prossimi giorni e settimane – ha auspicato Rezza – potrebbe essere la prova che sono stati adottati provvedimenti adeguati sia su scala nazionale sia regionale. Questo quadro, tendenzialmente, ci fa sperare anche se dobbiamo vedere come si consoliderà nei prossimi giorni e nelle prossime settimane. Il sovraccarico ospedaliero, infatti – ha ribadito – rimane ed è il problema maggiore”. 

Ma è troppo presto per immaginare un progressivo ritorno alla normalità a dicembre.

Nuove regole dal 3 dicembre?

Intanto potrebbe arrivare un nuovo Dpcm entro il 3 dicembre per salvare il Natale.

“La mia testa non è concentrata su quello che succederà tra un mese e mezzo, ma su quello che accadrà alla fine della prossima settimana. È su questo che ci giochiamo tutto, non sul cenone del 24 dicembre, con o senza i nonni o i parenti di primo grado”.

Il ministro della Salute Roberto Speranza è categorico. E’ prematuro parlare delle regole per il Natale. E’ vero che il governo progetta un decreto ministeriale per le festività. Ma prima bisognerà vedere i numeri.


Leggi anche: Coronavirus: “Il picco potrebbe arrivare tra 7 giorni.


Ipotesi sulle regole per il Natale

Ma il tempo stringe. Il 3 dicembre scadrà l’ultimo decreto del presidente del consiglio dei ministri e per quella data dovranno arrivare le regole per salvare il Natale.

Come? Con un progressivo allentamento delle misure come il coprifuoco e una serie di regole e raccomandazioni per le feste in arrivo.

L’agenzia di stampa Ansa ne enumera qualcuna: 

  • lo shopping per gli acquisti di Natale sarà sicuramente contingentato come sta già avvenendo in questi giorni specialmente in alcune grandi città e nel weekend, anche nelle zone gialle a rischio moderato;
  • per il cenone in casa ci saranno raccomandazioni e non divieti virtualmente inapplicabili: plausibile che non si possa essere più di sei a tavola, quindi solo conviventi e parenti stretti; 
  • potrebbe essere portato a sei anche il numero di commensali nei ristoranti delle zone gialle;
  • gli spostamenti saranno interdetti nelle zone rosse e limitati in quelle arancioni, anche tra regioni sarà sempre consentito il ritorno alla residenza o al domicilio, ma non si prevede un esodo dal nord al sud paragonabile a quello di marzo scorso;
  • il coprifuoco fissato alle 22 in tutta Italia potrebbe essere spostato alle 23 o a mezzanotte la sera del 24 dicembre e magari un po’ più in avanti a Capodanno.

Tutto questo basterà? O si rischia così di favorire una terza ondata che sarà difficile poi da fronteggiare tra gennaio e febbraio 2021?

C’è l’idea di far slittare il coprifuoco di qualche ora e addirittura cancellarlo nei giorni di festa. Ma si pronostica anche l’arrivo di due provvedimenti. Uno che regoli le chiusure e le riaperture sino a ridosso del Natale e che sia in grado di far rialzare un po’ la testa agli esercizi commerciali che hanno dovuto chiudere o ridurre l’attività, e uno successivo in grado di permettere alle famiglie di festeggiare il Natale seppur con più raccomandazioni che divieti.

E così lo shopping sarà permesso già dal 4 dicembre non solo nelle zone gialle, ma gli orari saranno contingentati per fasce d’età. Nei ristoranti resterà l’obbligo di non essere più di sei a tavola, che però diventerà una raccomandazione anche per le feste private. Insieme al suggerimento di concedere il cenone soltanto ai parenti di primo grado.

“Sicuramente ci sarà un allargamento delle possibilità di movimento ma dovra’ essere un Natale sobrio: un ‘liberi tutti’ ci porterebbe ad una terza ondata”, ha ribadito Fabrizio Pregliasco, direttore sanitario dell’Istituto “Galeazzi” di Milano. “Dipende da noi, da come sapremo gestire la convivenza con il virus – ha spiegato Pregliasco – Dobbiamo essere consapevoli che quello che ci aspetta non è uno sprint ma una maratona”.

Settimana decisiva per l’epidemia

Quella che inizia oggi è quindi una settimana decisiva per l’epidemia di coronavirus in Italia dopo che per giorni i numeri hanno raccontato un rallentamento della crescita che però deve essere ancora confermato. Qualche elemento di ottimismo c’è, anche se i contagi rimangono alti, le terapie intensive restano sottoposte a una pressione crescente, le vittime aumentano.

“Questi giorni saranno decisivi e ci diranno se la divisione del Paese in tre zone, e il meccanismo sostanzialmente automatico delle restrizioni regione per regione, sta dando i frutti che tutti speriamo”.


Leggi anche:

Congiunti Fuori Comune. Scatta la rivolta dei fidanzati a distanza

Plasma iperimmune: Cos’è e come può aiutare?

Mascherine: Ffp2, chirurgica, di stoffa o lavabile? Quale usare e perchè


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata