Home

Crisanti prende una posizione netta sulle riaperture che ci saranno con l’inizio della settimana. “Aumenteranno i morti, possono arrivare anche a 500- 600 al giorno“. Lo ha detto ai microfoni di ‘Un giorno da pecora’ su Rai Radio1 il virologo Andrea Crisanti, direttore di Microbiologia e virologia dell’università di Padova.

“Se noi continuassimo a stare nella situazione attuale, da qui ad un mese potremo arrivare a poche decine di decessi” spiega. “Il rischio – ha sottolineato Crisanti – sono le persone che muoiono e posso assicurare che la maggior parte non muore in terapia intensiva, muore vigile e in condizioni di asfissia, che è una morte orribile. Quindi – ha concluso – parliamo anche di queste cose perché il rischio non è soltanto sociale, ma anche della singola persona a cui facciamo correre questo rischio”.


Leggi anche: L’Italia torna a tingersi di giallo, in rosso solo la Sardegna: i nuovi colori delle regioni


Crisanti: “Con le riaperture 600 morti al giorno”

Inoltre Crisanti ritiene i ristoranti, e le riaperture in generale, potenzialmente pericolosi. “Da lunedì non andrò al ristorante, perché sono convinto che è sbagliato, voglio dare il buon esempio”. “Come aiutare queste attività? Penso che ai ristoratori bisognerebbe dare esattamente quello che hanno dichiarato nelle tasse – afferma il virologo -, lira per lira, anzi euro per euro”. Quanto allo spostamento del coprifuoco dalle 22 alle 23 “è ininfluente, diciamo che l’unica differenza è che alle 23 i ristoranti possono fare due turni quindi più incassi”.

Per lui in breve tempo le zone gialle diventeranno rosse, un po’ come successo in Sardegna. “Le zone gialle certamente torneranno arancioni o rosse, basta guardare la Sardegna che da bianca è diventata rossa. E non facciamoci illusioni sull’aiuto del clima: il Brasile ha una temperatura media di 26 gradi e l’anno scorso Israele è andato in lockdown a metà agosto”, conclude Crisanti.


Leggi anche

Ficarra e Picone su Netflix cambiano genere: la sorprendente trama made in Palermo


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata