Home

Basterà un mese o forse meno per il ritorno di Villa Costa a Palermo. Sono già iniziati i lavori di manutenzione per lo spazio verde palermitano, abbandonato e finito in mano ai vandali. I lavoratori della Reset hanno cominciato a sistemare le piante infestanti. Inoltre era presente il comitato cittadino a favore del ripristino di Villa Costa-Verde Terrasi, che per la riapertura della villa dedicata al magistrato Gaetano Costa , assassinato dalla mafia, ha raccolto 2.500 firme.

A dare rilievo alla notizia sono stati i membri della terza Circoscrizione. “Nei prossimi giorni a questi lavori seguiranno quelli per la sistemazione dei viottoli. Ma anche delle parti in muratura, della fontana e di tutta l’area a verde interna. Verranno aperti inoltre i varchi di collegamento con il roseto ‘Rosa Balistreri’. Inoltre, si provvederà ad alzare una staccionata per separare questi spazi dalla casina, dove anni fa funzionò un ristorante e in alcuni periodi anche una discoteca. Questo spazio, come da progetto del Coime, verrà adibito quanto prima a centro polifunzionale”.


Leggi anche: Il Covid dilaga a Palermo, Orlando: “Alla vigilia di una strage, incoscienti fermatevi!”- VIDEO


Villa Costa ritornerà al suo splendore: “I palermitani meritano più verde”

Appena tutti i lavori saranno terminati, i palermitani potranno tornare ad usufruire dello spazio in Viale Lazio. “La speranza è che la prossima apertura sia permanente e non torni più a verificarsi l’ennesima situazione di abbandono e di degrado. In un periodo come questo è importante e doveroso restituire alla collettività un bello spazio verde come Villa Costa. Tra l’altro situato in un punto di Palermo anche facilmente raggiungibile”, dicono i membri del gruppo che hanno lottato per la riapertura.

Da settimane sul web, attraverso raccolte firme o manifesti sui social, si è sottolineato il ripristino al decoro dello spazio verde che ritornerà in mano ai palermitani.


Leggi anche

La Riserva dello Zingaro rinasce dalle sue ceneri: dopo l’incendio di agosto riapre ai turisti – FOTO


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata