Home

Ho dato mandato ai miei legali di denunciare l’assessore Ruggero Razza e il presidente Nello Musumeci per la diffusione di pandemia colposa a Messina.

 In queste settimane da ottobre a gennaio non hanno tra l’altro aumentato i posti letto in terapia intensiva per il Covid a Messina e provincia”. Lo afferma il sindaco di Messina, Cateno De Luca, in una sua diretta Facebook. «Non funzionando – aggiunge – difatti il servizio dell’Asp per la raccolta dei rifiuti Covid, molti li hanno buttati nella spazzatura comune contribuendo all’aumento della pandemia».  

ED ANCORA L’ASSESSORE RAZZA ED IL PRESIDENTE MUSUMECI CONTINUANO A GIOCARE CON LA PELLE DEI MESSINESI

“Il Presidente della regione siciliana Nello Musumeci ed il suo assessore alla sanità Ruggero Razza – aveva detto De Luca – hanno avallato e sostenuto questa strategia nel miei confronti perché ho chiesto la testa del loro uomo di fiducia Paolo La Paglia, direttore generale dell’Asp di Messina”.

“Nessuno parla e tutti tacciano. Io sto rischiando la mia vita perché non ho accettato la logica mafiosa dell’omertà e della complicità.

Le mie dimissioni da sindaco di Messina – sostiene De Luca – sono pronte perchè da autentico uomo delle istituzioni non posso convivere con altre istituzioni che stanno agendo con la logica mafiosa e stano uccidendo Messina lasciando i loro servi sciocchi al comando dell’Asp”. “Perchè – conclude il sindaco – nessuno si indigna al cospetto di queste vicende da me denunciate pubblicamente e all’autorità giudiziaria?”

Il Video – QUI –

E’ stato proprio De Luca ad imporre

Ai suoi cittadini una maggiore stretta rispetto alla zona rossa istituita dal Governatore. Misure che hanno fatto mettere in rivolta cittadini e commercianti che hanno duramente reagito contro lo stesso De Luca via social.

DE LUCA si dimette in diretta FACEBOOK

Le mie dimissioni da Sindaco di Messina!

La legge prevede che diventano efficaci entro 20 giorni da oggi e nessuno può anticipare i tempi dell’entrata in vigore.

Dal 5 febbraio non sarò più sindaco!

Tornerò sui mie passi revocando le mie dimissioni se si verificheranno le seguenti condizioni:

  • La rimozione di Paolo La Paglia da direttore generale dell’ASP di Messina;
  • rientro della città di Messina nei parametri di normalità nazionale della situazione pandemica a seguito dell’entrata in vigore della mia ordinanza di blindatura in casa fino al 31 gennaio;

IO SONO UN UOMO DELLE ISTITUZIONE PRONTO A CAMBIARE MESTIERE SE NON RIESCO A TUTELARE LA MIA COMUNITÀ O SE SI SONO RIVELATE INEFFICACI LE MIE DECISIONI!

Quanti politici in Italia la pensano ed agiscono come me ?


Altre notizie:

Ufficiale. Scuola, ecco tutte le misure del nuovo Dpcm

Licenziata maestra negazionista

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Fabio C.

I sogni non accadono se non agisci

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata