Home

Non si placa lo scontro tra i docenti a favore del green pass e quelli contrari. E adesso nel confronto tra le due parti si è inserito il rettore uscente Fabrizio Micari. A far da portavoce, attraverso un’intervista a Repubblica, degli studenti contrari alla certificazione è il professore Gandolfo Dominici, che da anni insegna Marketing nell’ateneo siciliano.

L’insegnante dell’Università di Palermo ha dichiarato: “Non siamo contro il vaccino e non chiamateci no vax. Il vaccino non previene i contagi, soprattutto con la variante Delta, come dimostrano gli ultimi dati, le notizie da Israele e le stesse dichiarazione e l’infettivologo americani Fauci. Il tampone è molto più sicuro e chiediamo che sia gratuito per chi deve accedere all’università”. Ad aggiungersi all’appello verso il rettore anche i professori Salvatore Tomaselli, Salvatore Cincimino, Massimo Costa e Livia Romano.


Leggi anche: Anti green pass di Unipa ‘tentano’ un docente, ma lui non ci sta: “Vi denuncio al rettore”


È scontro tra i docenti Unipa sul green pass

E a questo punto sembra essere riferito al docente di marketing l’attacco del professore Vito Ferro sui social. Infatti in ateneo la lettera ha già portato le prime tensioni: “Non possiamo avallare l’idea che un economista si trasformi in un medico- infettivologo perché sarebbe come ammettere che 1 vale 1. Chiedo al mio rettore di intervenire“, ha dichiarato il docente Ferro.

Fabrizio Micari, invece, sempre tra le righe di Repubblica dichiara: “È fuori discussione che l’università paghi i tamponi per chi ha deciso di non vaccinarsi. Sul Green Pass c’è una legge nazionale. E’ una misura che sposiamo con convinzione – continua Micari – Fare i tamponi per tutti sarebbe pure impossibile, semmai nel primo periodo saremo più elastici. Ma poi scatteranno sanzioni disciplinari per chi non si adegua, mentre gli studenti non potranno accedere se non con tampone”.


Leggi anche:

Lavorare senza laurea: ecco quali sono i lavori meglio retribuiti


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata