Home

I giovani non si sentono molto valorizzati. Questo è il risultato di una ricerca effettuata da parte di Quorum/YouTrend per Sky TG24. Con esattezza alla domanda “ti senti valorizzato in Italia?”, il 73% degli intervistati risponde poco (54%) o per nulla (19%). Il campione preso in esame oscilla dai 16 ai 25 anni.

La ricerca ha chiesto quali siano gli aspetti che più frenano la valorizzazione, potendo indicare fino a 3 risposte. È emerso che per il 48% il problema maggiore è dato dalla precarietà scarsa retribuzione dei lavori, per il 42% è la scarsità di posti di lavoro per i giovani.


Leggi anche: “Mi licenzio, anni di studio per essere sfruttati così”: boom di dimissioni tra i giovani


Il 73% dei giovani non si sente valorizzato

Invece per il 38% il problema sono le posizioni di potere ricoperte quasi solo da persone anziane, per il 25% scuola e università italiana non formano abbastanza e, sempre per il 25%, le aspettative sociali non coincidono con la realtà. Per il 21% è un problema la scarsità di borse di studio.

Tra le altre iniziative: rendere gratuita l’istruzione universitaria (19%), abolire le tasse universitarie (14%), eliminare il limite minimo di età per essere eletti al Parlamento (13%), permettere ai giovani sopra i 16 anni di votare (9%), permettere di iscriversi a più corsi di laurea contemporaneamente (8%). Risponde altro il 2% del campione e non sa cosa rispondere l’1%.


Leggi anche:

Si laurea a 75 anni: “Ho mantenuto la promessa, ora pronto per la magistrale”


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata