Home

Umanizzazione degli spazi all’Ospedale di Agrigento.

Pensare di andare in ospedale è come pensare di andare al patibolo.

Siamo sinceri! Nessuno di noi è particolarmente contento di andare in ospedale e non solo in questo periodo. Anche per situazioni piacevoli, andare in ospedale, non rappresenta però mai un’esperienza piacevole: pareti grigie, ambiente pallido, barelle in ogni angolo e volti sofferenti.

Per non parlare dei medici, che per quanto professionisti, mantengono quasi sempre e quasi tutti un certo distacco con il paziente, che invece molto spesso avrebbe anche solo bisogno di un caldo sorriso.

Umanizzaizone: ripensare l’ospedale, a vantaggio dei pazienti

Ed è quello che è successo nel reparto di radioterapia dell’ospedale di Agrigento.  

Grazie alla collaborazione fra la direzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Agrigento ed i volontari dell’Associazione Malati in Cura Oncologica onlus (AMICO) coordinati dal presidente Riccardo Barrano.

Non più pareti grigie ma poster che ritraggono suggestivi paesaggi agrigentini per dare luce, un nuovo volto agli ambienti dedicati alla radioterapia del presidio ospedaliero “san Giovanni di Dio”.

Un percorso di bellezza e umanità all’Ospedale di Agrigento

Dal tempio dei Dioscuri a quello di Ercole, dalle rovine dell’edificio sacro dedicato a Giove olimpico sino alla magnificenza del Concordia, i pazienti del reparto potranno condurre un suggestivo viaggio prima di sottoporsi alle cure.

Un percorso di bellezza per distrarre i pazienti e donargli serenità, per accoglierli in maniera più confortevole ed ospitale. Un’idea di umanizzazione che merita senz’altro un plauso, non tanto per la semplice iniziativa, quanto per l’intenzione stessa che vi è dietro.

Perché a volte basta poco per donare serenità: sono le piccole cose a fare la differenza.


Leggi anche:

Bimba abbandonata in ospedale, positiva al Covid. Arrestata la madre

Un altro tunnel sottomarino per il mondo evoluto. E Messina e Reggio Calabria mute!

Babbo Natale Fedez regala soldi in giro per la città


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata