Home

Giorgio Panichi, di origini ascolane, si è laureato al Politecnico di Milano a soli 20 anni diventando così il laureato più giovane d’Italia

Lo scorso 22 settembre, giorno del suo ventesimo, l’ascolano Giorgio Panichi ha segnato un vero e proprio record, che sarà certamente duro da battere. Il giovane ha infatti conseguito il diploma di laurea presso il Politenico di Milano diventando così il laureato più giovane in assoluto d’Italia.

Una laurea, quella in Ingegneria Fisica, che è il risultato di tanto impegno e dedizione. Titolo della sua tesi: “‘Design e ottimizzazione di guida d’onda ottiche in tecnologia planare e tridimensionale”.

Il ventenne neolaureato, oltre a parlare perfettamente l’inglese, vanta anche un Diploma da tecnico del suono specializzato in pianoforte classico e tastiera. Ma il suo primo grande amore resta e resterà sempre la matematica: “Fin da piccolo mi è sempre piaciuto studiare matematica e la fisica. Mia madre mi ha fatto saltare la prima elementare e da lì è iniziato il mio percorso”, ha dichiarato Giorgio.


Leggi anche: Riscatto della laurea gratis? Ecco la proposta dell’Inps


Contrariamente a quanto si possa pensare, visti i suoi risultati, per Giorgio non esiste soltanto lo studio. “Penso che nella vita non bisogna dedicarsi solo allo studio ma bisogna crescere in ogni ambito, sia sociale e personale per diventare una persona completa”. Il giovane, infatti, ha tante altre passioni tra cui la vela, il calcetto e il basket.

E riguardo il suo futuro dichiara: “Mi sto appassionando al mondo del computer quantistico, un settore che è in forte crescita. Mi piacerebbe lavorare per aziende che lavorano in questo campo, come Ibm e Google che sono le società che stanno lavorando in questo ambito”.

Ai suoi coetanei sente invece di dover dire: “Penso che ognuno debba trovare la propria strada indipendentemente dalle influenze degli altri: bisogna sentire bene cosa si deve fare. Se la propria strada è lo studio è bene ricordare che l’impegno è fondamentale, ma bisogna mettersi sempre in gioco per andare bene. Questa è la chiave per stare bene con se stessi e raggiungere i propri obiettivi“. E noi non possiamo che essere d’accordo. Congratulazioni Giorgio!

Si laurea a 72 anni e dedica la corona alla figlia morta a 14 anni: “Come se fossi qui”

Fa la tesi di laurea sul reddito di cittadinanza e la invia a Draghi: la risposta inaspettata

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata