Home

Dal 27 dicembre, ma anche prima, in Italia si sono ripresentati i No vax, gli oppositori del vaccino, che, imperterriti, sostengono la letalità dell’unico strumento che potrebbe far dimenticare il Covid-19. Questo è un breve manuale per smontarli a dovere, nel caso ce ne fosse l’evenienza. “Il tempo per formulare un vaccino è stato troppo breve e i test clinici non fornirebbero risultati tali da essere considerati sicuri”. Queste sono spesso le prime argomentazioni di un no vax accanito, che in tutti i modi cerca di convincere del male provocato dai vaccini. 

Le parole dei No Vax 

No Vax: Lo sviluppo di un farmaco nuovo può richiedere dai 13 ai 15 anni. 

La risposta: I test clinici NON sono abbreviati, ciò che è andato veloce è tutto ciò che c’è intorno, finanziamenti compresi.

No Vax: Mediamente ci vogliono da 1 a 3  anni per trovare fondi necessari alla sperimentazione. 

La risposta: Stavolta le aziende coinvolte hanno trovato tanti soldi in maniera molto rapida: 1-3 anni risparmiati.

No-Vax: Mediamente trascorrono 2-5 anni per trovare un metodo adatto per creare un vaccino. 

La risposta: Stavolta, grazie alla SARS i metodi erano già pronti (mRNA o adenovirus): 5 anni risparmiati. Inoltre per COVID-19 non sono stati effettuati studi su culture cellulari, non necessari: 1 annetto risparmiato.

No-vax: Trovare le strutture necessarie a prendersi in carico la sperimentazione prende tempo. 

La risposta: Stavolta i migliori ospedali e le migliori università del mondo hanno accettato subito: 6 mesi, 1 anno risparmiati.

No-Vax: Trovare persone che si offrono per la sperimentazione

La risposta: molte persone hanno manifestato il proprio consenso subito: altri 6 mesi/1 anno risparmiati.

No-Vax: La sperimentazione clinica,  su volontari, si svolge in 3 fasi: 1, 2 e 3.

La riposta: Solitamente ogni fase per i vaccini può durare 3-6 mesi, ma stavolta alcune aziende hanno condotto fase 1 (sicurezza) e fase 2 (dosaggio) in contemporanea: se fosse accaduto qualcosa in fase 1 si sarebbero interrotte immediatamente entrambe. 6 mesi risparmiati. Una volta finite tutte le fasi, I dati finiscono alle autorità (FDA o EMA) per essere valutati, ma ci si mette in fila dopo altre decine o centinaia di farmaci prima del proprio. Stavolta i vaccini antiCovid sono stati valutati immediatamente, probabilmente con un numero maggiore di revisori dedicati.

Il potere della scienza

Ecco, no vax, come è possibile approvare, sia pure in emergenza, un farmaco in soli 9 mesi: ottimizzando e velocizzando la parte economica e burocratica, e rendendo l’impresa una delle più belle che la scienza medica possa vantare.


Medico di famiglia No Vax sanzionato. Riduzione stipendio per 5 mesi.

Minacce di morte sul web alla prima vaccinata d’Italia


Condividi

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata