Home

Micari inizia il suo percorso verso il saluto finale a Unipa. Il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, ha ricevuto in visita di commiato a Palazzo Orléans il rettore dell’Università di Palermo Fabrizio Micari, che dal 1 novembre lascerà l’incarico ricoperto dal 2015. Sei anni intensi, intersecati da un pandemia mondiale.
 
Nel corso del colloquio, durato quasi un’ora, il governatore ha ringraziato Micari per l’attività svolta. Inoltre Musumeci ha manifestato la piena collaborazione fra le due istituzioni in un clima di reciproco rispetto in questi anni. Inoltre ha augurato al rettore sempre maggiori successi. Solo qualche anno fa i due avevano concorso per aggiudicarsi il ruolo di Presidente della Regione, vinto poi da Musumeci.


Leggi anche: Micari saluta Unipa: “Lascio un ateneo in salute e con ottimi servizi”- VIDEO


Micari lascia Unipa, Musumeci lo saluta

“In questi anni di mandato – ha detto il rettore Micari – i rapporti istituzionali tra l’Università e la Regione si sono consolidati sulla base di un franco e aperto dialogo con l’intento comune di potenziare la collaborazione. Ma anche garantire l’applicazione del diritto allo studio. Insieme abbiamo messo in atto numerose azioni condivise quali investimento per il progresso del territorio e per assicurare alta formazione e un futuro di lavoro e progettualità ai giovani siciliani”.

Questo invece il saluto di Leoluca Orlando: “Esprimo grande apprezzamento al Rettore Fabrizio Micari per i suoi sei anni a guida dell’Università di Palermo. Anni che hanno visto un’ottima qualità delle azioni di didattica, di ricerca e di internazionalizzazione delle strutture universitarie. Sono stati anni importanti per la realizzazione di Palermo Città universitaria. L’ateneo si è espresso in tante iniziative che costituiscono un patrimonio anche metodologico dell’amministrazione comunale e dell’università”.


Leggi anche:

Maltempo Palermo, arriva l’app dell’AMAP che avvisa sulla viabilità dei sottopassi


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata