Home

Un incidente spiacevole è accuduto ieri sera nei quartieri Sperone e Settecannoli. Un tentativo di furto di monopottino sharing ha convinto una delle cinque società, che partecipano al servizio a noleggio, di sospendere per ora il servizio in quei rioni.

Per ora lo Sperone nella mappa di monopattino sharing è segnata come una zona grigia, in cui non si può stare con questi mezzi ecologici e dall’obiettivo green.

Non si può nè parcheggiare nè circolare. Ieri sera proprio la polizia è intervenuta per recuperare il mezzo in Via Vittorio, zona Sperone. L’azienda Bit Mobility, che si occupa del progetto, dopo il repentino intervento, ha riportato e dichiarato: “Ci spiace per la comunità di quella zona che vuole utilizzare i nostri mezzi, la città sta rispondendo molto bene a questo servizio, ma per il momento siamo costretti a rivedere le zone di circolazione“.

Il ritrovamento allo Sperone

E poi dichiarono: “Abbiamo sospeso in tutta quell’aria”, ovvero le zone limitrofe tra di loro di Settecannoli e Brancaccio.

Nelle scorse ore sono stati segnalati alcuni episodi di vandalismo. Su tutti un monopttino sharing con il quadro elettrico distrutto e devastato. Il mezzo si trovava in via Calderai.

Monopattini allo Sperone

Le parole del sindaco Leoluca Orlando sembrano chiare sui monopattini allo Sperone: “In questi primi giorni il nuovo servizio di monopattino sharing ha riscontrato un grande entusiasmo e numerosi apprezzamenti che rischiano, tuttavia, di essere inficiati dagli atti vandalici di pochi incivili, che hanno arrecato danni ai monopattini, o dagli inutili tentativi di furto.

E poi dichiara: “La scelta dell’amministrazione comunale di investire sull’uso del monopattino come mezzo utile agli spostamenti urbani è irreversibile. Non sarà certamente qualche atto criminale ad ostacolarne il percorso”.


Zingaretti si dimette da segretario del Pd

Ad un passo da Palermo, le cascate che non ti aspetti

L’App che aiuta a controllare l’eiaculazione precoce, ecco come funziona


Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Alessandro Morana

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata