Home

Era il 25 dicembre del 1914

C’era la guerra in corso. Nelle Fiandre, in diversi punti lungo la linea del fronte occidentale, alcuni soldati tedeschi, britannici e francesi lasciano la trincea e attraversano le linee, mettendo in atto un “cessate il fuoco” spontaneo, non ufficiale e autorizzato.

Pian piano iniziano a fraternizzare: «Voi non sparate, noi non spariamo» e si stringono le mani l’un l’altro. Anche se erano in guerra.
Alcune testimonianze affermano che siano stati i tedeschi a iniziare, intonando canti natalizi e addobbando con scarni alberelli di Natale le loro trincee. I soldati si incontrano nella terra di nessuno per fraternizzare, scambiarsi cibo, doni e souvenir.

Oltre a celebrare comuni cerimonie religiose e di sepoltura dei caduti, i soldati dei due schieramenti intrattennero rapporti amichevoli tra di loro al punto di organizzare improvvisate partite di calcio.

La tregua di Natale ai tempi della guerra

L’evento non passò inosservato. Anche se ma ci fu una sorta di autocensura fino al 31 dicembre 1914, quando il The New York Times raccontò l’accaduto. I giornali britannici seguirono questo esempio e nei primi giorni del 1915 riportano numerosi resoconti in prima persona degli stessi soldati che raccontavano nelle lettere spedite alle loro famiglie.
La tregua venne vista come un gesto miracoloso e positivo.

Solo in Germania nessuna immagine dell’evento fu pubblicata.

Un Natale diverso quello che si sta per concludere, anche per noi..

A distanza di cento anni da quel giorno, ci ritroviamo a vivere un Natale diverso.
È un Natale insolito, soprattutto per noi Siciliani, amanti della confusione e della condivisione.
Dobbiamo stare distanti ma forse questo ci ha portato ad allontanarci ancora di più dalle persone.
In un periodo dove ci siamo dimenticati di amare ed essere solidali, come fosse un’azione secondaria, in un periodo dove abbiamo chiuso il nostro cuore, non soltanto le nostre case, e non riusciamo più a tendere la mano al prossimo per aiutarlo, ci farebbe bene ricordarci di questo episodio.

In un periodo che ancor di più ha accentuato quelle diversità che tanto ci dividono, ci farebbe bene tornare ad aprire il nostro cuore agli altri, tendere la mano al prossimo e non dimenticarci mai che apparteniamo tutti alla stessa razza, alla stessa nazionalità: quella umana.


Leggi anche:

Palermo. I commercianti protestano. Intervista a Doriana Ribaudo

Dpcm Natale e attività sportiva: il governo risponde definitivamente a ciclisti e running

Tragedia di Natale. Uomo si toglie la vita davanti la casa della ex


Condividi
Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Claudia Mirabella

Nata a Catania il 15 dicembre del 2000, è una studentessa di scienze e lingue per la comunicazione all'università di Catania. Sin da piccola coltiva una grande passione per la scrittura. Aspirante giornalista professionista, ama la politica, la cultura, l'arte, la letteratura, le lingue e le persone. Provo a raccontare la realtà ma con un tono diverso!

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata