Home

Cresce la trepidazione per una delle notti più attese di ogni anno: quella degli Oscar! A rappresentare l’Italia, Laura Pausini con la sua “Io sì”. La cantante italiana, come annunciato da lei stessa, si esibirà durante il pre-show per la 93esima edizione degli Academy Awards.

Laura Pausini: orgoglio italiano

Dal suo “Marco se n’è andato e non ritorna più”, la Pausini ne ha fatta di strada. Da quel Sanremo del 1993, non si è mai più fermata, diventando la nostra Laura nazionale dai record assoluti, collezionando un successo dopo l’altro. Tra le artiste italiane più amate nel mondo, Laura Pausini compete oggi, con la sua musica, per il riconoscimento più ambito ed importante di tutti: l’Oscar.

Io sì: il brano candidato agli Oscar

La cantante romagnola concorre ufficialmente agli Oscar 2021 nella categoria Migliore canzone originale con il brano “Io sì (Seen)“. La canzone, scritta da Laura Pausini, Niccolò Agliardi e Diane Warren, che ne è anche la compositrice, è la colonna sonora del film “La vita davanti a sé“, diretto da Edoardo Ponti e con l’interpretazione dell’iconica Sophia Loren. Il brano si è già conquistato il Golden Globe 2021, puntando adesso al podio più alto.


Leggi anche: Golden Globe, premiata Laura Pausini: “Non posso crederci, è un sogno”


L’esibizione

L’esibizione sulla terrazza dell’Academy Museum è stata già registrata, così come tutte le performance musicali della cerimonia, che non verranno eseguite dal vivo. Qui alcune immagini:

Una Laura Pausini, accompagnata al piano da Diane Warren, stella tra le stelle, con indosso il suo tuxedo dorato, per una performance da brividi. Durante la cerimonia, invece, la star italiana siederà, insieme agli altri nominati, nella platea del Dolby Theater, ridisegnata quest’anno secondo le norme di distanziamento anti-Covid.

Le altre canzoni candidate

Le altre quattro canzoni in gara, a contendersi l’ambita statuetta per la Miglior canzone originale, sono: “Fight For You“, del film Judas and the Black Messiah, “Hear My Voice“, del film Il processo ai Chicago 7, “Husavik“, brano all’interno di Eurovision Song Contest – La storia dei Fire Saga, e “Speak Now”, del film Quella notte a Miami.

L’Italia agli Oscar

Oltre a far il tifo per Laura Pausini, l’Italia sostiene anche il “Pinocchio” di Matteo Garrone. Il film, infatti, è candidato per la categoria miglior trucco e miglior costumi. La squadra del make-up vede in prima fila le protesi di Mark Coulier, con le acconciature di Francesco Pegoretti e il trucco di Dalia Colli. Il film, è anche in corsa anche per la gara dei costumi grazie alla creatività e al talento di Marco Cantini Parrini.

Notte degli Oscar: dove vederla in diretta tv

La notte degli Oscar 2021, si potrà vedere in diretta tv sul canale Sky Cinema Oscar (per gli abbonati, canale 303), in contemporanea su Sky Uno e in chiaro su TV8. La diretta partirà dalle 00.15 fino all’alba (meglio preparare delle abbondanti tazze di caffè!). Per chi non riuscisse a vederlo, l’evento sarà riproposto integralmente lunedì 26 aprile su Sky Cinema Oscar (a partire dalle 12.15), e in prima serata su Sky Cinema Oscar e Sky Uno. In seconda serata, invece, andrà in onda il meglio della cerimonia in chiaro su TV8, e disponibile anche on demand su Sky e in streaming su NOW.

Le parole della Pausini

Se perdo mi sentirò ugualmente vincitrice perché, diciamocelo, ma chi l’avrebbe detto che sarei arrivata fino a qui!” confessa Laura Pausini alla rivista VanityFair, emozionata ed ancora incredula. “Nella vita ho imparato a essere riconoscente perché sono stata davvero privilegiata. Se vinco allora mi alzo, urlo, spero di non dire parolacce mentre mi scoppierà sicuramente il cuore. Però la cosa che più di tutte vorrò fare è tornare in Italia per stringere tra le braccia mia figlia. Forte. Anzi no, fortissimo“. Non possiamo che fare il tifo per lei e per il “Pinocchio” di Garrone, sostenendo l’orgoglio italiano in una delle serate più magiche del cinema internazionale. E come si usa dire: Comunque vada, sarà un successo!


Liberazione

Oggi è il 76esimo anniversario della Liberazione, il tributo di Liliana Segre

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Cristina Riggio

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata