Home

All’Ospedale Civico di Palermo arriva una tecnologia rivoluzionaria, grazie alla visualizzazione 3D della struttura cardiaca. Il nuovo metodo, chiamato EnSite X, permette di realizzare un modello anatomico tridimensionale dell’organo, consentendone la visualizzazione in tempo reale ed una nuova modalità di lettura del segnale cardiaco.

Cuore tridimensionale per diagnosi e trattamento delle aritmie

Tramite l’innovativa tecnologia dell’EnSite X, è possibile contribuire alla realizzazione di importanti passi avanti nella diagnosi e nel trattamento delle aritmie cardiache complesse. L’elettrofisiologo, infatti, è così in grado di conoscere la velocità di conduzione all’interno della camera cardiaca del paziente e sapere con esattezza la direzione di attivazione elettrica.

Palermo, all’Ospedale Civico arriva il cuore visto in 3D

A godere di tale primato per il meridione è l’Ospedale Civico di Palermo. «Negli ultimi decenni – spiega Giuseppe Sgarito, responsabile del laboratorio di Elettrofisiologia dell’ospedale e presidente regionale dell’AIAC– le aritmie sono diventate tra i più rilevanti problemi di salute pubblica dei paesi occidentali, arrivando a colpire più del 5% della popolazione. Il nostro centro adotta da tempo soluzioni tecnologiche innovative al fine di mappare e trattare in maniera efficace e sicura le anomalie del battito del cuore».

«Grazie a questa tecnologia, di cui siamo precursori in Italia, oggi possiamo visualizzare una mappa tridimensionale ad alta risoluzione del cuore e avere informazioni in tempo reale sulle aree responsabili dell’aritmia, migliorando la qualità e la durata delle procedure di ablazione con un tasso di successo più elevato a beneficio dei pazienti», aggiunge Sergio Conti che, insieme ai dottori Gregory Dendramis, Umberto Giordano e Vito Pinto, fa parte della straordinaria équipe del laboratorio di Elettrofisiologia della Cardiologia del Civico.

“Ospedale dei Bambini stracolmo”, boom di bimbi ricoverati a Palermo: cosa sta succedendo

Palermo, donna muore per malore: familiari distruggono il Pronto Soccorso – FOTO

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata