Home

Il giudice per le indagini preliminari Fabio Pilato ha respinto il ricorso del proprietario dei locali dove è ospitata la palestra Virgin che restano così sotto sequestro. La difesa presenterà un nuovo ricorso al tribunale del Riesame. Il giudice Pilato nel provvedimento afferma che “l’eccessivo prolungarsi della fase delle indagini preliminari nella permanenza di un sequestro che comporta una sostanziale frustrazione dei diritti della difesa”.

Sono trascorsi 13 mesi e, scrive il giudice, “una volta escluso il pericolo di crollo originariamente paventato (è per questo che scattò l’iniziale sequestro ndr) si ritiene che la eccessiva durata del sequestro realizzi una oggettiva sproporzione fra le reali esigenze di tutela preventiva e ripercussioni pratiche scaturenti dalla totale paralisi di un attività produttive (dipendenti, depauperamenti aziendali eccetera)”.

Secondo il gip la soluzione per far riprendere l’attività potrebbe passare “attraverso una limitazione numerica dell’afflusso di pubblico ovvero mediante la limitazione delle attività sportive contemporaneamente praticabili onde contenere lo sfruttamento dei servizi entro il limite del carico urbanistico preesistente”.

Leggi anche:

Ladri alla palestra Virgin Active di Palermo: è il secondo furto in pochi giorni

Condividi

Scrivi a Younipa, contattaci tramite Whatspp al numero +39 342 802 2234

Per rimanere sempre aggiornati sulla migliore selezione delle occasioni di lavoro, le opportunità più interessanti e tutti gli aggiornamenti sui Concorsi CLICCA QUI per il gruppo Telegram o CLICCA QUI per il gruppo Facebook.

Post correlati

A proposito dell'autore

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata