Home

Francesca Donato, parlamentare No vax e No Green pass candidata ufficiale a Palazzo delle Aquile, ha pubblicato qualche giorno fa un post indicando gli attuali dati della pandemia. E se in un primo momento poteva sembrare che stesse confermando l’efficacia del vaccino, la Donato torna sull’argomento specificando cosa intendesse dire.  

La parlamentare No vax e il post contorto sui vaccini

L’eurodeputata siciliana mostra come, senza vaccini, il 18 gennaio del 2021 si contavano 8.824 contagi e 377 morti. Oggi invece, con quasi il 90% Italiani vaccinati, si registrano 228.123 contagi con 434 morti. Il numero dei decessi, secondo la Donato, dovrebbe ben mostrare l’inefficacia dei vaccini: “Fine anche della favola ‘grazie al vaccino abbiamo ridotto i morti …’”

Ma in realtà non è così. Secondo infatti le cifre da lei stessa indicate, oggi la percentuale dei morti rispetto ai contagiati sarebbe pari al 0,19%, contro quella registrata nel 2021, senza vaccini, pari al 4,27%.

“La matematica non sarà mai il mio mestiere”, il post ironico del Presidente della Fondazione Gimbe, Antonio Cartabellotta al tweet di Donato. Numerosi i commenti di chi ha fatto notare che quelle parole erano un assist ai vaccini, non il contrario.


Leggi anche: Palermo, l’eurodeputata No Vax si candida a sindaco della città – VIDEO


“Numeri fallimentari: nessuna forma di obbligo”

Francesca Donato ha voluto allora specificare con un altro post cosa intendesse dire, riconfermando ilo suo pensiero. “Sono state evocate frazioni, proporzioni e decimali per argomentare e rendere accettabile l’inaccettabile, la crescita in numeri assoluti di contagiati e di MORTI. Il decreto di istituzione del green pass art. 1 recita: “…al fine di prevenire l’infezione del Sars-cov2…” Questi numeri dimostrano che non è stata ridotta l’infezione. Tutto questo mentre milioni di italiani (i cosiddetti NO-Vax) senza green pass erano lontani dalla vita civile, chiusi a casa ed impediti di frequentare ogni luogo della socialità.  La rigidità di applicazione del Green Pass serviva a giustificare un obbligo surrettizio che ha prodotto questi risultati. Io, da politico, li giudico numeri fallimentari e comunque non idonei a giustificare nessuna forma di obbligo. Il cartello è firmato da + EUROPA, il che spiega molto.  Come fanno i conti in Europa basta chiederlo al popolo greco“.

Palermo

Scandalo a Palermo, fondi per emergenza Covid usati per ripianare i debiti del Comune

no vax

Palermo, ancora false vaccinazioni ai no vax: arrestata un’infermiera

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata