Home

La protesta contro il caro bollette ieri sera è sbarcata anche nel quartiere dell’Olivella, a Palermo. Dalle 20 alle 21, diversi ristoratori hanno servito i propri clienti al buio. Luci spente ieri sera da La Traviata, Medio Oriente, Ruvolo, Fud, Ego, Globus, Fuso orario e City lounge bar.

Le attività hanno aderito alla campagna #stasiramanciaoscuru e #blackoutdinner per chiedere alle amministrazioni comunali, regionali e statali di prendere i provvedimenti necessari ed evitare che vengano ulteriormente schiacciati dal peso della crisi. Tanti altri, invece, sono rimasti proprio chiusi. 


Leggi anche: Palermo tra rifiuti e degrado, operai Rap e vigili del fuoco presi a sassate


“Abbiamo – spiegano in una nota – voluto dare visibilità a coloro che stanno continuando a subire il prezzo di una crisi economica che sembra solo peggiorare. Una crisi peggiorata dalla pandemia che il governo nazionale ha gestito salvaguardando gli interessi dei potentati economici, multinazionali e industriali, scaricando tutto il costo, come sempre su lavoratori, lavoratori autonomi, piccoli commercianti e artigiani. Da due anni a questa parte lasciati senza aiuti concreti”. 

Molteplici sono i locali che partecipano alla protesta. Da Villa Costanza al Nautoscopio e Nova, passando per l’Enosteria Sicula, la pizzeria Rifugio Normanno di Monreale, Menefod di Termini Imerese, l’Antica Focacceria dal 1856 e la Trattoria da Dario di Bagheria. Servizio a lume di candela anche tra i pelosi felini di Nero Miciok. L’adesione è alta perchè alti sono gli aumenti di gas e luce: cresceranno circa del 150%.

Palermo

Palermo, donna scippata del cellulare in via Maqueda: IL VIDEO

Palermo e la pedemontana, Musumeci: “Opera prioritaria”

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata