Home

Attivare una governance adeguata alle sfide di competitività, coesione e qualità che l’attuazione del Pnrr impone; garantire un efficace utilizzo delle risorse regionali, nazionali ed europee; mettere in atto azioni congiunte per attuare il più efficace matching tra i fabbisogni di figure professionali da parte delle imprese e l’offerta formativa. E ancora, creare opportunità di crescita economica e sociale del territorio, favorendone lo scambio e l’apertura verso le altre realtà produttive e contribuendo così al posizionamento competitivo delle imprese nel panorama nazionale, europeo e mediterraneo. Sono questi i principali obiettivi dell’intesa firmata oggi dal Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Massimo Midiri, e dai presidenti di Sicindustria e Sicindustria Palermo, Gregory Bongiorno e Giuseppe Russello.

Unipa e Sicindustria per i giovani e il PNRR

Un protocollo che si inserisce nella collaborazione tra Università e Sicindustria che va avanti da tempo proprio per facilitare i processi di sviluppo economico dando un impulso alle attività produttive, all’innovazione industriale, al management delle imprese e alla pianificazione strategica nei settori della salute, dell’edilizia e della rigenerazione urbana, della mobilità sostenibile, della transizione ecologica e digitale, del turismo, dell’agroalimentare e della meccatronica.

Le dichiarazioni del Rettore Midiri

“Con questa firma si suggella un’alleanza per una Sicilia più innovativa mettendo a disposizione tutti gli strumenti e le risorse di cui disponiamo in un’ottica di sistema – ha commentato il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo, Massimo Midiri – Si apre un’importante stagione per potenziare, insieme, i servizi e le opportunità offerti agli studenti e ai docenti, alle imprese e ai lavoratori, creando una collaborazione permanente tra università e impresa che rafforza la capacità di entrambi i soggetti di agire per innalzare la qualità, il benessere e le opportunità di sviluppo di Palermo e dei poli universitari di Agrigento, Caltanissetta e Trapani. Da questa intesa discenderanno numerosi accordi operativi per orientamento, tirocini, offerta formativa, ricerca applicata, partecipazione a bandi, attività di disseminazione, che produrranno effetti concreti sia per l’università che per le imprese, generando impatto sociale e culturale positivi anche sul tessuto socio-economico dei territori siciliani. Con questi presupposti raggiungeremo l’obiettivo di favorire una stretta integrazione tra imprese e UniPa per sostenere, accelerare e qualificare la crescita economica della Sicilia”.

Le parole del presidente di Sicindustria

“Occorre avvicinare sempre di più – ha detto Bongiorno – il mondo produttivo a quello della formazione così da garantire un maggiore pragmatismo alle competenze trasversali dei nostri studenti e alimentare uno scambio di conoscenze e di esperienze necessario per tenere il passo con l’evoluzione delle competenze richieste dal mercato del lavoro e portare alle imprese un contributo di innovazione. Ma non solo. Abbiamo davanti una sfida straordinaria, quella del Pnrr, che comporta però un impegno progettuale e realizzativo senza precedenti. L’unico modo per vincerla è fare sistema tra istituzioni, mondo della formazione e della ricerca e imprese”.


Leggi anche: Unipa, l’appello del rettore Midiri: “Siamo pronti ad accogliere studenti e docenti ucraini”


Russello: “Orientare le attività verso la produzione di valore aggiunto”

Posizione ribadita da Russello, che ha concluso: “Orientare le attività della conoscenza verso la produzione di valore aggiunto è un percorso obbligato. Solo in questo modo potremo favorire la creazione e la sostenibilità dei fattori di crescita di Palermo e proporre specifici progetti e programmi per i quali il territorio mostra eccellenze scientifiche o forti legami con la richiesta delle imprese e perseguire obiettivi comuni di sviluppo sostenibile”.

Carta: “Università vero e proprio agente di futuro”

Il Prorettore alla Terza Missione, Maurizio Carta, ha sottolineato l’importanza dell’iniziativa affermando che “una Università aperta e coinvolta nel territorio come quella di Palermo deve diventare un catalizzatore dello sviluppo, un vero e proprio agente di futuro, coinvolgendo tutte le forze economiche, sociali e culturali, per restituire al territorio, alle persone e alle imprese, il valore aggiunto prodotto dalla sua ricerca e didattica”.

Fonte: ITALPRESS.

Unipa

Unipa seleziona 158 studenti per attività di collaborazione a tempo parziale: IL BANDO

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Laureata in Giurisprudenza a Palermo con una tesi di diritto penale, non ho mai abbandonato la mia passione per la scrittura. Curiosa ed ambiziosa, cerco di rinnovarmi continuamente.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata