Home

Polemica sulla pubblicità dell’Amat: “Obliterare non è peccato”

La pubblicità accattivante dell’Amat: “Obliterare non è un peccato, se lo facciamo tutti avremo un servizio da paradiso”. Con l’uso di cartellonistica di grande impatto, l’Amat cerca di sensibilizzare i cittadini sull’importanza di validare i propri titoli di viaggio.

L’obiettivo è quello di convincere i passeggeri degli autobus pubblici a pagare il biglietto.

LA POLEMICA SULLA PUBBLICITA’ AMAT

L’Amat, l’azienda trasporti di Palermo, è da sempre alle prese con il problema dei passeggeri che viaggiano senza biglietto. Ma di recente, un gruppo di opposizione in consiglio comunale ha sollevato dubbi sulla campagna pubblicitaria dell’azienda. Il gruppo Azione, insieme ad altri consiglieri, ha presentato un’interrogazione al sindaco per chiedere chiarimenti sulla scelta di investire denaro pubblico in una campagna pubblicitaria tradizionale invece di utilizzare i social media, molto più economici e diffusi. Secondo i firmatari, l’Amat è assente sui principali social network, come Facebook, Instagram e Twitter, e una campagna pubblicitaria sui social sarebbe stata più incisiva e meno costosa. La campagna ha suscitato dibattito e opinioni contrastanti sulla sua efficacia.

“Prima si odiano e poi si amano” la coerenza dei politici Siciliani capaci di tutto

“Vuoi sposarmi?”. Lei dice sì, lui muore d’infarto

Condividi


AGGIORNAMENTI

Per tutti gli aggiornamenti invitiamo i nostri lettori a collegarsi alla nostra pagina web Younipa.it , alla nostra pagina Facebook e alla nostra pagina Instagram.

Concorsi pubblici: Tutti i bandi attivi al momento Ricevi sul canale Telegram la rassegna stampa con le ultime novità sui concorsi e sul mondo del lavoro. Prova il nostro tool online per la ricerca di lavoro in ogni parte d’Italia.

NEWS LE NEWS PIU IMPORTANTI Per non perderti tutte le news più importanti raccolte in un unico canale Telegram. Cronaca, politica, sport, cultura, eventi e tanto altro ancora.

GOSSIP: IL nostro canale Telegram dedicato al mondo del gossip Qui per il Gossip

Post correlati

A proposito dell'autore