L’assessore Ruggero Razza, in un’intervista di Giacinto Pipitone sul Giornale di Sicilia in edicola, garantisce che non sono previste misure più restrittive in Sicilia e rassicura sull’andamento del contagio da Coronavirus in Sicilia. “I nostri guai arrivano solo da fuori. In Sicilia il sistema di prevenzione sta funzionando”.

La dichiarazione dell’assessore Razza

Sul tavolo dell’assessore Razza è arrivato ieri il report su quanto accaduto in Sicilia dal 4 maggio a Ferragosto. E induce l’assessore all’ottimismo: “Durante il picco di aprile i positivi che poi finivano ricoverati in ospedale erano il 30% mediamente, oggi siamo intorno al 10%. Vuol dire che siamo in grado di intercettare i contagiati in tempo, evitando che contagino a loro volta e che si aggravino le loro condizioni di salute prima di intervenire con le cure”. Dunque per Razza serve solo il rispetto delle regole.

“Degli attuali 722 positivi ben 241 sono migranti sbarcati sulle nostre coste. In più ci sono 54 persone arrivate da Malta, uno dei centri più a rischio, e altre 40 persone rientrate da varie mete estere. In pratica, i positivi non sono siciliani. Si può dire che i guai per noi arrivano da fuori. I casi di siciliani che hanno contratto il virus qui sono la minima parte”.

Leggi anche:

Razza: «Rischio lockdown in autunno, per la Sicilia sarebbe il colpo di grazia»

Ultima ora. Dal Tar arriva la risposta sulla riapertura delle Discoteche

Sicilia. Invasione di meduse giganti

Coronavirus. Bollettino 18 Agosto. In Sicilia 13 nuovi casi ma quasi tutti asintomatici. In Italia crescono i contagi ma anche il numero di tamponi

Condividi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata