Home

Tanti sconti e super offerte dedicate agli studenti universitari, tra mesi gratis e occasioni da non perdere. Primo fra tutti l’abbonamento ad Amazon Prime Student: anche a dicembre sarà possibile abbonarsi e ottenere i primi 90 giorni di servizi senza costi aggiuntivi.

Finiti i 3 mesi gratuiti, il costo annuale sarà soltanto di 18 euro, la metà rispetto a chi non va all’Università. Gli studenti potranno continuare a godere dei molteplici servizi inclusi nell’abbonamento che agli altri costerebbe 36 euro (all’anno). In particolare, Amazon Prime Student offre:

  • spedizioni più rapide e completamente gratis per tutti i prodotti acquistati e contrassegnati dal bollino “Prime”
  • film e serie TV in streaming da guardare sulla celebre piattaforma Amazon Prime Video
  • brani in streaming con Prime Music e privi di noiose pubblicità
  • Twitch Prime
  • centinaia di ebook con Prime Reading
  • spazio di archiviazione illimitato grazie ad Amazon Photo
  • sconti esclusivi ed accesso anticipato alle offerte lampo

Leggi anche: Ita Airways, da oggi sconti sui voli da e per la Sicilia per gli studenti fuori sede: come funziona


Sconti studenti universitari, le offerte di dicembre 2021

Amazon non fa mancare promozioni nemmeno sul suo settore musicale. Di fatto a nuovi clienti sono ora riservati ben 3 mesi d’uso gratuito, anziché 1. Al termine di questo primo periodo senza costi né limiti, l’abbonamento si rinnoverà automaticamente al costo di €9,99 al mese (fino all’eventuale cancellazione).

Ma non solo Amazon offre delle opportunità imperdibili, ma anche Nike. La celebre multinazionale statunitense di prodotti sportivi offre agli studenti universitari italiani uno sconto del 10% o del 20% sulla maggior parte degli articoli. Anche in questo caso, per ottenerlo, occorrerà dimostrare di aver proceduto con l’iscrizione ad un ateneo e di possedere una tessera studenti o un’e-mail dell’università in corso di validità.


Leggi anche:

Condividi

Post correlati

A proposito dell'autore

Mi chiamo Morana Alessandro, classe 2000, palermitano. “non aver paura di sbagliare un calcio di rigore. Non è mica da questi particolari che si giudica un giocatore”

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata