Home

Università di Palermo – Con il DPCM del 3 novembre 2020 sono state adottate misure urgenti di contenimento del contagio, in parte riferite all’intero territorio nazionale e in parte destinate ad alcune aree caratterizzate da uno scenario di elevata o di massima gravità e da un livello di rischio alto.

Leggi anche: DPCM UFFICIALE. La Sicilia è zona Arancione. Ecco tutte le restrizioni

L’ordinanza del Ministero della Salute emessa in data 4 novembre 2020 ha individuato la Regione Sicilia tra quelle con uno “scenario di tipo 3”, connotato da elevata gravità e livello di rischio alto.

Conseguentemente, aggiornando quanto già disposto in precedenza alla luce delle nuove prescrizioni e preso atto di quanto deliberato dal Comitato Regionale Universitario nella seduta del 5 novembre 2020:

il rettore Prof. Fabrizio Micari ha disposto che:

  • ATTIVITÀ FORMATIVE, CURRICULARI E SEMINARIALI: in modalità a distanza; 
  • ATTIVITÀ FORMATIVE E CURRICULARI: possibilità di disporre lo svolgimento “in presenza” relativamente al primo anno dei Corsi di Studio triennali e magistrali a ciclo unico, nel solo caso in cui la numerosità degli studenti di tali Corsi sia inferiore a 70 unità.

Leggi anche: Nuovo Dpcm. Sicilia zona arancione: Cosa si può fare e cosa no. Ecco cosa cambia


  • ATTIVITÀ TECNICO-LABORATORIALI: potranno svolgersi “in presenza” nel rispetto dei vigenti protocolli di sicurezza o in modalità telematica;
  • ESAMI DI PROFITTO E LAUREE: esclusivamente in modalità telematica.
    NON è consentito lo svolgimento di prove scritte in presenza.
  • TIROCINIO: a distanza.

Per leggere e scaricare la nota completa CLICCA QUI

Condividi

A proposito dell'autore

Avatar

Younipa è l'autore generico utilizzato per le comunicazioni di servizio, i post generici e la moderazione dei commenti.

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata