Università di Palermo – Consegnato ad una studentessa dell’Università degli Studi di Palermo il primo abbonamento gratuito AmiGO Car sharing e Bike Sharing by AMAT.

Le parole del Rettore Prof. Fabrizio Micari

“La consegna dell’abbonamento gratuito AmiGO Car sharing e Bike sharing by Amat alla prima dei quasi 1400 nostri studenti che da oggi possono beneficiare di questo servizio, a cui si sommeranno i docenti e il personale tecnico amministrativo che possono attivarlo con tariffe agevolate, è una significativa e concreta azione che si aggiunge alle altre iniziative e buone pratiche sviluppate dall’Ateneo in tema di sostenibilità, come il servizio navetta del Campus e la disincentivazione all’uso della plastica nelle sedi universitarie, e divulgate sia al suo interno che sul territorio – sottolinea il Rettore dell’Università degli Studi di Palermo Fabrizio Micari

L’avvio di queste soluzioni innovative di car sharing e bike sharing realizzate insieme ad AMAT per la mobilità della nostra comunità universitaria rappresenta un’ulteriore messa in atto delle strategie su cui da tempo puntiamo e rende sempre più il nostro Ateneo catalizzatore di sostenibilità. Il nostro obiettivo è diffondere la cultura della tutela dell’ambiente e della sostenibilità, temi ancor più necessari per la salute pubblica oltre che della formazione e della ricerca di UniPa”.

Car sharing e bike sharing Unipa. La dichiarazione del Sindaco di Palermo Leoluca Orlando

“Un momento simbolico ma certamente importante perché segna un punto di svolta, a conferma di come i servizi di AMAT per la mobilità dolce e condivisa sono sempre più presenti nel territorio e sempre più radicati fra i nostri cittadini – commenta il Sindaco della Città di Palermo Leoluca Orlando – Altrettanto importante è che questi servizi vedano sempre più la collaborazione con l’Università, che rappresenta una comunità fra le più significative della città sia in termini numerici sia in termini di impatto anche culturale delle sue scelte”.

Car sharing e bike sharing Unipa. Le parole del Presidente Amat Cimino

“Un percorso, quello dell’AMAT, orientato sempre più verso una mobilità sostenibile – dichiara il Presidente di AMAT Palermo S.p.A. Michele Cimino – AMAT e Università testimoniano oggi di avere fatto fronte comune diffondendo nel mondo dei giovani principi e criteri di mobilità ormai imprescindibili nella vita di ogni giorno. Oggi più che mai siamo certi che soltanto attraverso il lavoro e l’impegno congiunto di tutte le istituzioni fra loro, si possono creare le condizioni per una qualità di vita migliore e per affrontare e risolvere piccoli e grandi problemi collettivi. Ormai tutti ne siamo consapevoli: lavorare insieme è la base per il futuro di tutti.”

Il D.G. UniPa Antonio Romeo: “Grande attenzione alla sostenibilità”

“Poniamo grande attenzione alla sostenibilità, sia nella consapevolezza dell’importanza del ruolo dell’Università nella formazione delle future generazioni, sia con un forte impegno nell’assunzione di un modello gestionale ed organizzativo che tiene in grande considerazione questo tema – commenta il Direttore Generale UniPa Antonio Romeo – Il passo di oggi fatto in collaborazione con AMAT è il proseguimento di un virtuoso percorso che procede in duplice direzione verso la sostenibilità e verso il benessere dei nostri studenti e del personale di UniPa con l’aumento dei servizi a loro dedicati.”

L’attivazione degli abbonamenti dedicati alla comunità universitaria è il primo step che fa seguito alla convenzione siglata tra l’Università di Palermo e l’AMAT Palermo S.p.A per lo sviluppo di un progetto di mobilità sostenibile dedicato alla comunità universitaria che prevede l’abbonamento gratuito per gli studenti che hanno partecipato al bando, tariffe agevolate per docenti e personale tecnico amministrativo,  e l’estensione del servizio AmiGO car sharing e del servizio Bike sharing nelle sedi universitarie di Palermo e nei poli universitari decentrati di Agrigento, Caltanissetta e Trapani.

Il progetto di qualità che l’Università di Palermo ed AMAT stanno realizzando è finalizzato all’ottimizzazione della viabilità, dei servizi di collegamento e della sicurezza delle sedi interessate individuando, al contempo, le priorità di intervento e le azioni strategiche per il potenziamento dei servizi di trasporto pubblico, sia collettivo, sia individuale, allo scopo di disincentivare l’uso dei mezzi privati.

Guarda le foto:

Leggi anche:

Università. Manfredi: In caso di turni matricole rientreranno per prima

Università. Se cade connessione sei bocciato?

Università. A rischio 10mila iscritti, di cui due terzi al Sud, causa Covid

Condividi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata